Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Insieme per il nostro futuro. Sostieni la ricerca e la cura!

Dona ora

Ortoressia e social network

C'è un nesso fra la fissazione per il cibo sano (ortoressia) e i social network. Spegnete il telefono a tavola

Ortoressia e social network

Rileggevo ieri un articolo scientifico, che correla una maggior presenza di ortoressia (la fissazione sul cibo sano, di cui abbiamo già parlato in questo blog) in persone che fanno uso intensivo di social network (Instagram).

Il sospetto già l’avevo, pensando all’enormità di messaggi ed immagini che le mie pazienti, soprattutto le più giovani, dicono di “postare” sui social network, immagini che riguardano soprattutto l’immagine corporea ed il cibo che mangiano.

A loro dico, ogni giorno, che il nutrimento ed il corpo sono aspetti troppo personali ed intimi della nostra vita per essere buttati su una piazza pubblica così smisurata come un social network. Mi dà speranza il fatto che, quando iniziano a stare meglio, le ragazze riducono di moltissimo i loro “post”, come se riuscissero ad acquistare più consapevolezza del loro bisogno ossessivo di parlare di cibo, peso ed immagine corporea.

Anche se non avete un disturbo alimentare, mi sento di darvi un consiglio spassionato: gustate, con tutti i vostri sensi e con tutto il tempo che serve, quello che mangiate, ma tenete il telefono spento quando mangiate. Sicuramente una foto non toglierà l’anima al vostro piatto, come raccontano le credenze popolari di molti paesi, ma sicuramente vi farà pensare di più, e sentire di meno, quello che mangiate.

Come dice Andrea Camilleri in un suo celebre romanzo, “i pensieri sono i peggiori nemici della pancia”.



Commenti (0)