Le ricette di marco bianchi

16-10-2020

aggiornamento dell'articolo pubblicato il 16-10-2020

Marco Bianchi

Marco Bianchi è cuoco per passione, divulgatore scientifico per la Fondazione Umberto Veronesi e Ambassador di EXPO Milano 2015. Promuove i fattori protettivi della dieta e le regole della buona alimentazione. Autore di numerosi libri, nel 2013 per Fondazione Umberto Veronesi ha pubblicato, insieme a Lucilla Titta, I cibi che aiutano a crescere, edito da Mondadori Electa. Con la Fondazione Veronesi ha ideato il progetto Bimbi in cucina, mamme in classe, portando con grande allegria grandi e piccini a scuola di salute e di sapori.

Fregula stufada

Primo piatto
La speciale semola della tradizione sarda cucinata con zafferano, pecorino e tofu

Fregula stufada
per 4 persone

• 1 bustina di zafferano in polvere
• 300 g di semola di grano duro a grana grossa
• 1 pizzico di sale
• 150 g di pecorino sardo dolce
• 150 g di tofu al naturale
• 1,5 lt di brodo vegetale (o acqua)
• olio evo
• pepe

Sciogliete lo zafferano in un bicchiere d’acqua, quindi unitelo alla semola e al sale e impastate con la punta delle dita. Dovrete ottenere dei grumi di pasta di un diametro tra i 2 e i 6 millimetri: il modo migliore per farlo e sgranare la fregula strofinandola tra i palmi delle mani e lasciandola cadere in briciole su un canovaccio pulito.

Per venire cucinata deve essere ben asciutta, quindi armatevi di pazienza: ci vorra qualche ora.

Dedicatevi ora al condimento. Passate al tritatutto il pecorino e il tofu: con metà del composto ottenuto, coprite il fondo di una pirofila leggermente oliata. Mettete quindi sul fuoco il brodo vegetale (o l’acqua) e, quando bolle, cuocetevi la fregula per circa 8-12 minuti.

Una volta pronta, scolatela bene e rovesciatela nella pirofila, cospargetela con il resto del composto, un giro d’olio e mettetela a gratinare in forno a 180 gradi per 10 minuti. Quando in superficie si sara formata una bella crosticina croccante, sfornate e servite!

La curiosità

La differenza tra semola e farina? E' presto detta! Di frumento ne esistono diverse specie, che possiamo raggruppare nelle due macro-categorie “grano tenero” (piu indicato per la panificazione) e “grano duro” (impiegato per la produzione della pasta). Dal grano tenero si ottiene la farina, dal grano duro la semola. La semola, anche se non integrale, contiene piu fibre della farina di grano tenero (circa 4 g rispetto ai 2,5 della farina): è proprio il tipo di lavorazione a permetterci di portare in tavola una maggiore quantita di crusca, fibre, proteine, vitamine e sali minerali.

 

Ricetta tratta da "La mia cucina italiana", Marco Bianchi, ed Mondadori

Cerca un piatto o un ingrediente

Torna a inizio pagina