Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Atashpazgargari Sina

NOTE BIOGRAFICHE

• Nato a Tabriz (Iran) nel 1984
• Laureato in Farmacia presso la Tabriz University of Medical Sciences di Tabriz (Iran)
• PhD in Medicina Molecolare presso la Scuola Europe

2016

Un approccio basato sulla riprogrammazione cellulare per identificare nuovi farmaci anti-tumorali 

Negli ultimi decenni, sono emerse numerose osservazioni di un ruolo nella via di segnalazione del fattore simile all’insulina (IGF: insulin-like growth factor) nella patogenesi del cancro; di conseguenza, l’IGF è diventato un potenziale bersaglio terapeutico per nuove terapie anti-tumorali, dallo sviluppo di anticorpi monoclonali a inibitori enzimatici (inibitori delle tirosin chinasi) per colpire componenti specifiche della via di IGF. Tuttavia, l’utilizzo di queste molecole interferisce anche col metabolismo dell’insulina e nei pazienti ha mostrato una serie di effetti collaterali. È necessario quindi sviluppare strategie alternative che colpiscano questa via di segnalazione. Dati recenti hanno mostrato che mutazioni in una via di riparazione del DNA, chiamata riparazione per excisione di nucleotidi accoppiata alla trascrizione, provocano alterazioni endocrine con conseguente soppressione di IGF a livello epatico.

Il progetto ha l’obiettivo di studiare il meccanismo trascrizionale alla base delle disfunzioni nella via di segnalazione dell’IGF in presenza di mutazioni nella riparazione del DNA per excisione di nucleotidi, utilizzando modelli in vitro ottenuti attraverso la riprogrammazione cellulare. Comprendere i meccanismi nel dettaglio servirà per progettare una nuova classe di farmaci inibitori della produzione epatica di IGF nei pazienti affetti da cancro.

DOVE SVILUPPERÀ IL PROGETTO

Istituto FIRC di Oncologia Molecolare di Milano

Area

Oncologia

Da non perdere

News dalla Fondazione Eventi Iniziative editoriali Il meglio dai Blog Video