Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Insieme per il nostro futuro. Sostieni la ricerca e la cura!

Dona ora
Alimentazione

Antiossidanti: le sentinelle della nostra salute

pubblicato il 04-07-2011

Fondamentali nel contrastare i danni al DNA, è importante assumerli con una dieta ricca di frutta e verdura

Antiossidanti: le sentinelle della nostra salute
Fondamentali nel contrastare i danni al DNA, è importante assumerli con una dieta ricca di frutta e verdura

Ricco di antiossidanti, contrasta la formazione dei radicali liberi. Quante volte abbiamo sentito queste caratteristiche associate ai prodotti alimentari che consumiamo ogni giorno? Nonostante tutto, intuendo il grande beneficio dovuto alla loro assunzione, spesso non conosciamo il reale significato del termine antiossidante. Eppure queste molecole sono fondamentali perchè, senza di esse, il nostro corpo subirebbe danni irreparabili.

COSA SONO?- Da un punto di vista chimico le molecole antiossidanti sono degli agenti che prevengono o rallentano il fenomeno dell'ossidazione. Una spiegazione tecnicamente corretta ma che, per tutti i non addetti ai lavori, significa ben poco. Per comprendere meglio il significato di una reazione di ossidazione basta pensare agli zuccheri come, ad esempio, il glucosio. Giunto nella cellula viene consumato attraverso numerose reazioni di ossidazione. Ciò avviene utilizzando l'ossigeno. Purtroppo però queste reazioni sono caratterizzate dalla formazione di prodotti chiamati radicali liberi. Questi non sono altro che delle molecole di ossigeno altamente reattive capaci di danneggiare le strutture della cellula ossidandole. Una particolarmente sensibile è proprio il DNA. Ed è qui che intervengono gli antiossidanti. Queste molecole sono infatti in grado di neutralizzare i radicali liberi e quindi di proteggere le cellula. Ciò è possibile perchè loro stessi si ossidano al posto delle strutture cellulari. In altre parole sono dei veri e propri “cattura radicali liberi”. Ma la formazione dei radicali liberi non è solamente correlata al metabolismo cellulare. Essi possono generare anche da una prolungata esposizione ai raggi UV, dal fumo di sigaretta e dall'inquinamento atmosferico.

PERCHE' CI PROTEGGONO?- Anche se rimangono da chiarire diversi importanti aspetti, è ormai un dato certo che patologie neurodegenerative con il morbo di Parkinson, Alzheimer e Sclerosi Laterale Amiotrofica sono associate alla presenza di danni da “stress ossidativo”. Non solo, anche alcune patologie a carico del sistema cardiovascolare come l'aterosclerosi sono dovute all'ossidazione delle proteine LDL presenti a livello sanguigno. Per queste ragioni, una corretta alimentazione ricca di frutta e verdura, può prevenire in maniera considerevole tutti quei danni associati alla presenza di radicali liberi.

I PIU' IMPORTANTI- Per comprendere l'importanza degli antiossidanti basti pensare che il nostro corpo, per difendersi, ha sviluppato una serie di complessi meccanismi di produzione di questo genere di molecole. Nonostante tutto l'assunzione attraverso la dieta rimane un punto fondamentale da tenere ben presente. Tra i più importanti che necessitano di essere regolarmente introdotti ci sono la vitamina C, contenuta in frutta e verdura, la vitamina E, contenuta negli olii vegetali, gli antiossidanti polifenolici come il resveratrolo, contenuti nei frutti e nel vino ed infine i carotenoidi come il licopene contenuti anch'essi nella verdura.

ALIMENTI FRESCHI- Risulta dunque evidente che assumere una buona dose di antiossidanti è uno dei metodi migliori per fare prevenzione. La concentrazione di queste molecole però varia notevolmente da prodotto a prodotto. Quello che ne contiene in maniera maggiore è il succo di uva nera, una vera miniera di antiossidanti, seguito immediatamente dai mirtilli. Una particolare attenzione però deve essere prestata alla cottura e alla conservazione dei cibi. E' ormai un dato certo che in alimenti conservati per lungo tempo o cotti per lunghi periodi la quantità di vitamina C e di licopene può risultare notevolmente inferiore rispetto al prodotto fresco.

Daniele Banfi


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza