Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Insieme per il nostro futuro. Sostieni la ricerca e la cura!

Dona ora
L'esperto risponde

Quale alimentazione seguire dopo le cure per un tumore al seno?

pubblicato il 20-07-2017
aggiornato il 02-10-2017

L'alimentazione è importante sia in chiave preventiva sia in caso di recidiva. Dopo un tumore al seno è fondamentale evitare l'eccesso di peso. Le risposte ai dubbi di una nostra lettrice

Quale alimentazione seguire dopo le cure per un tumore al seno?

Mi chiamo Lucia e sono stata da poco operata per carcinoma al seno e attualmente sto seguendo la terapia ormonale. Seguo una dieta a basso contenuto di zuccheri ma leggendo un po' nel web ho trovato molte indicazioni discordanti circa l'alimentazione da seguire per un caso come il mio. Potrei avere qualche indicazione utile su quali cibi è meglio evitare e quali invece preferire? Grazie

Lucia

 

Risponde Elena Dogliotti, nutrizionista e divulgatrice scientifica della Fondazione Umberto Veronesi

 

Se tante sono le prove in merito alla riduzione del rischio di ammalarsi di cancro conducendo uno stile alimentare salutare, per quanto riguarda le evidenze sugli effetti dell’alimentazione ed una guarigione dal tumore in termini di riduzione di tempi e diminuzione dell’insorgere delle recidive siamo in possesso ancora di pochi studi significativi sull’argomento.


Tumore al Seno: domande e risposte dalla diagnosi al dopo cura

 


I FATTORI DI RISCHIO DA EVITARE

Quello su cui c’è maggiore significatività riguarda la necessità dell’evitare il sovrappeso, in particolar modo il grasso viscerale, che contribuirebbe, tra le altre cose, ad alimentare un altro importante fattore da tenere sotto controllo che è lo stato infiammatorio. In generale i nemici maggiori per chi è in terapia a causa di un cancro, oltre al sovrappeso, sono livelli elevati di insulina, di glucosio, di fattori legati all’infiammazione e di fattori di crescita, tutti elementi in cui l’alimentazione può avere un ruolo fondamentale.

 

GLI ALIMENTI DA LIMITARE

Quali sono allora gli alimenti che possono promuovere o contrastare i fattori di rischio citati sopra? L’insulina, ad esempio, viene stimolata dal consumo di zuccheri (più lo zucchero è facilmente digeribile più la glicemia si alza in modo repentino e stimola grosse quantità di insulina), ma anche dal consumo di latticini e di prodotti con elevato contenuto di grassi saturi come carni fresche e lavorate e formaggi, perché con il loro contenuto di grassi saturi, se consumati in eccesso, possono modificare la composizione delle membrane delle cellule che non sono più capaci di assorbire il glucosio al loro interno.

Per quanto riguarda l’argomento infiammazione, sarebbero alimenti che la favoriscono ancora una volta gli zuccheri semplici, gli alimenti che contengono grandi quantità di acidi grassi omega 6 come la frutta secca (tranne le noci) e tutti gli alimenti di origine animale ad eccezione del pesce. Quest’ultimo, al contrario, si differenzia per il contenuto di acidi grassi omega 3, ad azione antiinfiammatoria se sono nel giusto equilibrio con gli omega 6 (5 omega6 : 1 omega3).

I fattori di crescita come IGF-1 sono sempre stimolati dalle proteine, in particolare da quelle animali, e contenuti soprattutto nel latte. Per questo motivo in via precauzionale, in caso di neoplasia si invita a ridurre il consumo di alimenti di origine animale e limitare se non escludere il latte.

 

I FITOESTROGENI E LA SOIA

Tumore al seno: come sono cambiate negli anni le terapie?

Tumore al seno: come sono cambiate negli anni le terapie?

18-10-2016
I legumi, in particolare la soia, contengono fitoestrogeni, molecole con struttura simile agli estrogeni che sono stati dimostrati essere elementi fondamentali di una dieta preventiva, ma che hanno fatto sortire non pochi dubbi su un’inversione di effetto nel caso di tumori estrogeno dipendenti. Ad oggi il consumo di alimenti che contengono soia nell’ambito di un’alimentazione sana in pazienti operati di tumori ormone sensibili, sono risultati protettivi, ma nonostante questo ancora si preferisce adottare cautela evitando gli eccessi e di consumarli contemporaneamente all’assunzione della terapia ormonale.


Alimentazione durante le terapie oncologiche: scopri quali alimenti preferire

 


LE POLIAMMINE IN FRUTTA E VERDURA

Sull’argomento poliammine infine non ci sono molti dati. E’ noto che le poliammine siano molecole indispensabili per la proliferazione cellulare (di tutte le cellule, comprese le cancerose), per questo motivo, in caso di neoplasie, nonostante non vi siano dati clinici a supporto, in termini precauzionali si raccomanda di evitare (o comunque ridurre) il consumo dei cibi che ne contengono in buona quantità come arance e pompelmi, le solanacee (pomodori, melanzane peperoni), i frutti tropicali e i molluschi.

 

MEGLIO I CEREALI INTEGRALI

In ultimo, in termini generali è importante evitare gli eccessi calorici e favorire i cereali integrali la verdura di stagione, i semi oleaginosi e porzioni moderate di legumi e praticare attività fisica (anche un’ora di camminata veloce) quotidiana.


Articoli correlati


Commenti (2)

Redazione 29-08-2017
Carissima, in nessun modo su queste pagine si possono dare consulti personalizzati, ma solo informazioni utili. Solo il suo medico di fiducia saprà rispondere ai dubbi, gli ponga tutte le domande che ritiene necessarie, ha tutto il diritto di essere informata e che i referti le vengano spiegati con chiarezza.
Cucciola in pensiero17-08-2017
Buongiorno, nel novembre 2013 sono stata operata per un duttale G2 infiltrante con micrometastasi al"4 "linfonodo chiamato freddo. Ho fatto 30 sedute di radio terapia,e continuo con Aromasin.Tac e scintigrafia ossea negativa, non recente Nei controlli ematici non esami da preoccupare. Al controllo della mammografia annuale al seno dx (quello non operato) hanno trovato con agobiopsia frammenti di carcinoma in situ (gennaio 2017 operata in locale) . La risposta del post-intervento : Descrizione Frammento di parenchima mammario non orientato del peso di 22 gr e delle dimensioni di cm 5x5x2,con cut di cm 2x1. Si conclude in toto in sezioni seriate. Diagnosi: Parenchima mammario con focolai di adenosi sclerosante colonizzata da neoplasia lobulare in situ (LIN2) che interessa focalmente un margine di exresi. Parenchima adiacente con adenosi con microcalcificazioni e metaplasia apocrina. Chiedo per cortesia se mi viene spiegato cosa mi succederà al seno dx con il lobulare in situ, visto che mi hanno dato versioni diverse. Tutto ciò da ansia, ma lo può capire che ha il cancro, chi sta bene non lo capirà mai.Del primo seno ormai mi sono rassegnata mi hanno spiegato chiaramente il tutto, del secondo seno non ho capito nulla. Vi ringrazio Infinitamente....

In evidenza