Chiudi
L'esperto risponde

Crohn e rettocolite ulcerosa: cosa fare con il vaccino per Covid-19?

pubblicato il 25-03-2021
aggiornato il 13-04-2021

Chi ha una malattia infiammatoria cronica intestinale può sottoporsi alla vaccinazione contro Covid-19? Con quali accorgimenti? I consigli dell'esperto

Crohn e rettocolite ulcerosa: cosa fare con il vaccino per Covid-19?

Buongiorno, dal 2010 mi è stata diagnosticata la malattia di Crohn e sono in trattamento con l'azatioprina. Posso tranquillamente vaccinarmi contro Covid-19 o devo sospendere prima il trattamento? In tal caso, quanto tempo prima e per quanto tempo?

Carmine S. 
 -

Dona ora per la ricerca contro i tumori

Dona ora per la ricerca contro i tumori

Sostieni la vita


Scegli la tua donazione

Importo che vuoi donare

Risponde Paolo Gionchetti, direttore dell'unità operativa per le malattie infiammatorie croniche intestinali dell'azienda ospedaliera-universitaria di Bologna Irccs (Policlinico Sant'Orsola-Malpighi)

Le malattie infiammatorie croniche intestinali, come la malattia di Crohn e la rettocolite ulcerosa, rientrano tra le condizioni che portano a considerare chi ne soffre particolarmente fragile, al cospetto di Covid-19. Anche coloro che hanno una malattia attualmente in fase di remissione.


Ragion per cui, al di là del trattamento in essere, l'indicazione è quella di vaccinarsi il prima possibile, senza sospendere alcuna terapia. Questi pazienti non sono stati inclusi negli studi che hanno portato all'approvazione dei vaccini attualmente disponibili. Detto ciò, l'assunzione di farmaci che hanno il compito di tenere sotto controllo la risposta immunitaria, come per esempio l'azatioprina e più in generale i farmaci biotecnologici, potrebbe rendere meno efficace la vaccinazione.


Un'ipotesi plausibile, che comunque finora non è stato possibile accertare. Anche per questa ragione, al fine di garantire la massima protezione ai pazienti fragili, coloro che sono affetti dalla malattia di Crohn e dalla rettocolite ulcerosa, più esposti ai rischi infettivi determinati da virus e batteri, in Emilia Romagna vengono immunizzati con uno dei due vaccini a mRna disponibili, efficaci nella prevenzione delle quasi totalità delle forme gravi di Covid-19. Questa scelta risulta essere stata adottata anche da altre Regioni, come per esempio la Sicilia. Detto ciò, le raccomandazioni del ministero della Salute non danno un'indicazione specifica in questo senso. Ragion per cui, in linea generale, è il medico vaccinatore a scegliere quale farmaco somministrare al singolo paziente dopo un'attenta anamnesi.


Quanto agli effetti collaterali indotti dalla vaccinazione, dalle prime osservazioni raccolte nei pazienti con una malattia infiammatoria cronica intestinale, il vaccino contro il Covid-19 presenta le seguenti reazioni: dolore nelle sede di iniezioneaffaticamento e stanchezza, mal di testafebbre e dolori muscolari. Ovvero gli stessi, e di analoga intensità, che possono registrarsi nelle persone sane.

 


Articoli correlati


In evidenza

Torna a inizio pagina