Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Insieme per il nostro futuro. Sostieni la ricerca e la cura!

Dona ora
Neuroscienze

L'esercizio fisico, anche lieve, allontana la depressione

pubblicato il 06-11-2017
aggiornato il 17-05-2018

Uno studio su trentaquattromila persone ha mostrato che anche un esercizio fisico lieve, come camminare, aiuta a prevenire la depressione. Dodici su cento i casi evitabili con un'ora la settimana di attività

L'esercizio fisico, anche lieve, allontana la depressione

Basta poco per tener lontana la depressione: un’ora o due di camminata, neanche tanto sostenuta, alla settimana. Mai banalizzare la depressione, però: certe forme si impongono comunque, ma stando a uno studio amplissimo compiuto tra Australia, Regno Unito e Norvegia, chi non compie proprio nessun esercizio fisico si trova dinanzi un 44 per cento in più di probabilità di cadere nel male oscuro rispetto a quanti un poco si muovono (una o due ore a settimana).

Donne e tumore: riprendersi il proprio spazio grazie all'attività fisica

Donne e tumore: riprendersi il proprio spazio grazie all'attività fisica

27-10-2017
I BENEFICI DELL'ESERCIZIO FISICO

La platea di trentaquattromila partecipanti all’indagine è stata fornita dalla Norvegia in quanto possiede il più ampio registro nazionale per la salute e questi volontari sono stati seguiti quanto ad attività fisica ed a stato di salute mentale per 11 anni. L’iniziativa è stata lanciata dal Black Dog Institute, ovvero Istituto del Cane Nero, di Sydney (Australia), un ente senza fini di lucro dedito a promuovere la ricerca sulla depressione. Perché Cane Nero? Perché diverse vittime del disturbo dell’umore chiamano così, con disperazione, quel dolore che sembra azzannarli senza requie, e uno di questi a inveire contro il suo “black dog” fu Winston Churchill. Indomabile più di quanto lo fossero stati i nazisti. La ricerca ha rilevato che il 12 per cento dei casi di depressione avrebbero potuto essere prevenuti se i partecipanti si fossero impegnati per una sola ora di movimento alla settimana. Il professor Samuel Harvey che lavora sia per il Black Dog Institute sia all’Università del Nuovo Galles del Sud e che ha guidato la ricerca ha detto. «E’ da un po’ che sappiamo che l’attività fisica gioca un ruolo nel trattare i sintomi della depressione, ma questa è la prima volta che siamo arrivati a quantificare il potenziale nella prevenzione dell’esercizio fisico in termini di ridurre i futuri sintomi. Sono risultati stimolanti in quanto mostrano quanto relativamente ridotti esercizi – a cominciare da un’ora alla settimana - possono generare una significativa protezione contro la depressione». 

SI PUO' GUARIRE DALLA DEPRESSIONE? 

I 5 sintomi della depressione

I 5 sintomi della depressione

04-08-2012
MA L’ANSIA RIMANE

Lo studio è stato pubblicato sull’American Journal of Psychiatry e un suo risultato rilevante sta nel fatto che il buon collegamento fra ginnastica e depressione, non è apparso scattare con l’ansia. Questo disturbo non risulta sventato dalla pratica di un’attività fisica, leggera o anche più intensa. Le autorità australiane fanno sapere che il 20 per cento di connazionali adulti non pratica alcuna attività fisica, che più di un terzo fa qualche esercizio per meno di un’ora e mezzo. Intanto un milione di australiani soffre di depressione, con uno su 5 tra i 16 e gli 85 anni toccati da un disturbo mentale.


La depressione costa cara e la lotta ai pregiudizi conviene


STOP ALLA VITA SEDENTARIA

Conclude il professor Harvey: «Con lo stile di vita sedentario che è sempre di più la norma in tutto il mondo e con le percentuali di depressione in crescita, i risultati della nostra ricerca risultano quanto mai pertinenti in quanto sottolineano che anche piccoli cambiamenti nel proprio stile di vita possono produrre significativi benefici nella salute mentale». 

Serena Zoli
Serena Zoli

Giornalista professionista, per 30 anni al Corriere della Sera, autrice del libro “E liberaci dal male oscuro - Che cos’è la depressione e come se ne esce”.


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza