Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Ghisleni Andrea

NOTE BIOGRAFICHE

  • Nato a Bergamo nel 1986
  • Laureato in Scienze Biologiche all’Università degli Studi di Milano-Bicocca
  • PhD in Biologia Molecolare all’Università di Vienna


All'origine delle aritmie cardiache congenite (leggi l'intervista)

 

2017

Canali L-type: nuovi meccanismi molecolari e terapie innovative

La ritmicità delle contrazioni cardiache dipende da uno ione essenziale, il calcio (Ca2+), e da specifici canali che ne regolano gli scambi, i canali L-type. Il calcio è in grado di iniziare la contrazione muscolare attivando contemporaneamente le numerose unità contrattili presenti nel cuore. Questo ione viene introdotto nella cellula attraverso i canali specifici e quindi immagazzinato e rilasciato in “serbatoi”, chiamati reticoli sarcoplasmatici, per mezzo di “pompe” in grado di rilasciarlo e riassorbirlo ciclicamente. Nelle sindromi aritmogene ereditarie la funzionalità dei canali ionici del calcio risulta alterata, con conseguente incapacità di generare contrazioni cardiache regolari. Questa ricerca studierà la maturazione e la modulazione dei canali ionici cardiaci in cellule pluripotenti generate da cardiomiociti, riprogrammati in vitro per essere riportati ad una condizione analoga a quella di cellule staminali. Attraverso tecniche di microscopia ottica verranno studiate le differenze strutturali insorte durante il processo di differenziamento e maturazione di queste cellule, confrontando una linea cellulare “sana” con una linea analoga ottenuta da un paziente con sindrome aritmogena ereditaria. Gli attuali trattamenti farmacologici per simili patologie non correggono difetti nella maturazione dei canali presenti nella cellula: si limitano a modularne l’attività. Recentemente è stato proposto un trattamento innovativo mediante la somministrazione di una molecola (peptide mimetico) in grado di contrastare i difetti nella maturazione di questi canali. In questa ricerca verrà quindi verificata anche l’effettiva efficacia di questo approccio terapeutico.

DOVE SVILUPPERÀ IL PROGETTO

Istituto Clinico Humanitas, Rozzano (MI)