Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Insieme per il nostro futuro. Sostieni la ricerca e la cura!

Dona ora
Altre News

Come rendere serene le vacanze dei disabili

pubblicato il 30-07-2012

Ci sono oltre sei milioni di disabili nel nostro Paese e sistematicamente quando è il momento di andare in vacanza trovano difficoltoso trovare una sistemazione alberghiera adeguata alla loro difficoltà motoria. Ora un’iniziativa organizzata dall’Associazione spinale dell’ospedale milanese di Niguarda è al loro fianco con assistenza e informazioni

Come rendere serene le vacanze dei disabili

Ci sono oltre sei milioni di disabili nel nostro Paese e sistematicamente quando è il momento di andare in vacanza trovano difficoltoso trovare una sistemazione alberghiera adeguata alla loro difficoltà motoria. Ora un’iniziativa organizzata dall’Associazione spinale dell’ospedale milanese di Niguarda è al loro fianco con assistenza e informazioni

Parte da Milano il progetto vacanze per persone disabili, che presentano difficoltà motorie. L’intento è di creare un data base ai quali le persone possono collegarsi e conoscere i servizi e le opportunità offerte dalle strutture alberghiere o dai centri sportivi e ludici. L’iniziativa è stata presentata a Milano all’Unione Commercianti con il nome di Easy Hotel Planet, un progetto indipendente per il turismo accessibile portato avanti da AUS Niguarda Onlus, (Associazione unità spinale), dalla casa editrice Guida Viaggi e dall'agenzia di viaggi LP Tour. I tre associati hanno un compito ben specifico: Aus Niguarda ha il compito di colloquiare con le persone, l’editore, invece, si occupa della formazione del personale delle agenzie e LP tour, si concentra sull’organizzazione del data base, avendo già esperienze di viaggi per disabili.

LE ESIGENZE- Molto spesso le informazioni relative ad accessibilità e fruibilità di una struttura non sono complete o presentano delle inesattezze: le conseguenze ricadono sulle persone con disabilità, alle quali capita spesso di trascorrere una vacanza in un albergo che presenta numerose barriere architettoniche. E’ stato questo il punto di partenza del progetto Easy Hotel Planet, che si concentrerà, in una prima fase, sulle strutture alberghiere di Milano e provincia, per poi estendersi a tutto il Paese. Esperti del settore accerteranno l'effettiva accessibilità e fruibilità delle strutture che aderiranno all’iniziativa. I dati raccolti saranno inseriti in un portale e divulgati in Italia a tutte le associazioni di persone con disabilità, ai servizi sociali e agli operatori del turismo professionale. 

L’IMPEGNO- Con l’appartenenza a questo servizio (la prima verifica ha validità di tre anni, mentre i successivi controlli avranno cadenza biennale), gli hotels potranno così proporre la loro offerta in un mercato potenziale che in Italia conta oltre sei milioni di disabili (pari al 10% della popolazione), con un incremento annuo che si attesta sulle 70mila unità. Easy Hotel Planet intende offrire alla persona con disabilità la possibilità di mettersi in contatto con un professionista del turismo in grado di poter capire le problematiche e offrire un servizio completo di consulenza per ogni tipo di esigenza del cliente. Come evidenzia Nadia Ghiringhelli, responsabile Sportello Turismo Accessibile di AUS Niguarda: «In passato abbiamo già assistito a tentativi in questa direzione ma ci siamo resi conto che nulla sarà davvero efficace fintanto che le persone stesse con disabilità non verranno contemplate nell’equipe di valutazione».

LO SPORTELLO - Ma intanto che cosa possono fare i disabili che vogliono andare in vacanza? Basta mettersi in contatto con lo sportello Turismo accessibile di AUS di Niguarda telefonando al numero 02.6472490, il lunedì pomeriggio, dalle 15 alle 18 e spiegare il tipo di vacanza che si vuole organizzare e con responsabilità verranno date le indicazioni più adatte ai bisogni del malato. L’Associazione è nata nel 1998 e affianca l’Unità spinale unipolare dell’Azienda sanitaria di Niguarda Ca’ Granda nel compito di riabilitazione globale delle persone con lesione al midollo spinale. L’Associazione ha attivato diversi sportelli per venire incontro alle necessità dei malati e dei loro familiari.

RIABILITAZIONE GLOBALE- Compito dell’Associazione è la riabilitazione globale delle persone con lesione midollare e la cura dei loro familiari, aiutando i malati a riprogettare la propria vita all’insegna della massima autonomia compatibile con la sua disabilità. Per questo AUS Niguarda mette a disposizione uno psicologo, un laureato in scienze motorie per l’attività di sport terapia, come parte integrante del percorso riabilitativo. Compito dell’AUS è anche reperire i fondi per sopperire alle carenze specifiche dell’Unità spinale e per organizzare attività come la Pet therapy in collaborazione con Dog4life onlus e laboratori di arte e musico terapia con Arca onlus.

Edoardo Stucchi


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza

Da non perdere

News dalla Fondazione Eventi Iniziative editoriali Il meglio dai Blog Video