Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Insieme per il nostro futuro. Sostieni la ricerca e la cura!

Dona ora
L'esperto risponde

Quali sono i vaccini che possono prevenire i tumori?

pubblicato il 30-04-2018

Le vaccinazioni contro il papillomavirus umano (Hpv) e il virus dell'epatite B (Hbv) riducono in maniera drastica le probabilità di ammarsi di tumore della cervice uterina, del pene, dell'ano, del cavo orale (Hpv) e del fegato (Hbv)

Quali sono i vaccini che possono prevenire i tumori?

Prevenire alcune forme di cancro attraverso lo sviluppo di vaccini è l’obiettivo di molti ricercatori e scienziati e, in alcuni casi, non si tratta solo di una sfida ma di realtà. È il caso del papillomavirus umano (Hpv), una delle cause del tumore alla cervice uterina, che oggi si combatte in anticipo grazie a un vaccino scoperto da Harald Zur Hausen, Premio Nobel per la medicina del 2008. Gli studi degli ultimi trent’anni hanno dimostrato che fino al 21 per cento dell’incidenza dei tumori a livello globale è connesso a eventi infettivi che coinvolgono agenti virali, batteri e parassiti.


Un’ulteriore conferma riguarda la scoperta del ruolo del virus dell’epatite B nel tumore al fegato che, unita alle evidenze sull’elevato rischio rappresentato dall’Hpv nei tumori della cervice, dell’area ano-genitale e quelli orofaringei, ha innescato nuove tipologie di approccio alla prevenzione del cancro attraverso la vaccinazione. I dati parlano chiaro: un’applicazione di questi vaccini a livello globale potrebbe teoricamente ridurre il rischio tumorale femminile del 12-15 per cento e quello maschile del 4-5 per cento.

Per saperne di più sulle vaccinazioni, iscriviti al sito
e scarica gratuitamente il quaderno


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza