Chiudi
Oncologia

Così ho affrontato il tumore durante la pandemia

pubblicato il 09-06-2020

Silvana, volontaria della Fondazione Veronesi, ha intrapreso le cure proprio durante le settimane più difficili della pandemia. Ecco il suo racconto

Così ho affrontato il tumore durante la pandemia

«Quando si affronta una patologia importante come un tumore, ogni momento che ti fa sentire il gusto della vita - una passeggiata in mezzo alla natura, un aperitivo con le amiche, lo stare su una panchina a leggere un libro…- è l’occasione per “distogliere” il pensiero dalla malattia».

Attività che possono sembrare banali ma che durante i mesi del lockdown dovuto alla pandemia da Covid-19 non sono state più possibili per migliaia di persone con una patologia tumorale. Questo è il caso di Silvana, una delle nostre volontarie più attive nel proporre e gestire in prima persona le attività di Fondazione Umberto Veronesi.

Oncologia e Coronavirus: 7 reparti su 10 non si sono fermati

Oncologia e Coronavirus: 7 reparti su 10 non si sono fermati

22-05-2020
LA STORIA

«Se oggi sono qui a raccontare la mia storia è innanzitutto perché esiste la ricerca», racconta Silvana. Da poco in pensione, dopo una vita intera come funzionario di banca, nel 2013 scopre, grazie agli esami di routine dedicati alla prevenzione, la presenza di un tumore al seno. «Per fortuna si trattava di una formazione piccola e localizzata rimossa con successo tramite intervento chirurgico».

Eppure, quando Silvana comincia a sentirsi più tranquilla, sul finire del 2019 arriva la notizia tanto temuta. «Durante gli esami di controllo - spiega Silvana - viene evidenziata la presenza di metastasi epatiche, recidiva del tumore del 2013». Fortunatamente, dal centro ospedaliero che l’ha in cura, gli oncologi le propongono di partecipare a una terapia sperimentale.

Nel frattempo incominciano le prime notizie sulla pandemia e nel giro di pochi giorni l’attività degli ospedali - e con essa la gestione dei reparti oncologici - viene stravolta. Ma le brutte notizie non finiscono qui perché poche settimane dopo il lockdown gli esami indicano che la cura non sta avendo gli effetti sperati. Di comune accordo con l’oncologa, Silvana decide di intraprendere un’altra strada, una serie di cicli di radioterapia.

«Alla ragionevole paura per la malattia che non rispondeva alle cure - ci racconta - si è aggiunta quella per Covid-19. Mascherine difficili da reperire, reclusione forzata in casa e continue notizie di persone delle case vicine ricoverate per il virus hanno complicato ancora di più la vita di noi malati oncologici». Nella settimana di Pasqua, Silvana inizia le sedute di radioterapia. «Davanti a me un solo obiettivo, arrivare in fondo cercando di fare tutto il possibile. Ora aspettiamo l’inizio del mese di luglio per capire se la radioterapia ha fatto effetto».

Curare il cancro: a che punto siamo?

Curare il cancro: a che punto siamo?

02-06-2020
L'IMPEGNO COME VOLONTARIA

Nonostante le condizioni di salute non sempre ottimali Silvana ha continuato a sostenerci. «La ricerca in campo medico è fondamentale ed ha bisogno di continuo sostegno. Tutti noi siamo chiamati, per quello che possiamo, a fare la nostra parte». E Silvana, ogni anno da quando è diventata volontaria per gli eventi di piazza di Fondazione, la sua parte la fa eccome. Se già prima della pandemia ha incominciato ad avere difficoltà nel partecipare attivamente agli eventi, niente l’ha fermata: «Non potendo partecipare all’evento “Il pomodoro: buono per te, buono per la ricerca”, ho venduto porta a porta in tutto il vicinato le scatole di pomodoro per sostenere la ricerca! Non è di certo qualche acciacco che può fermarmi!».

L'INSEGNAMENTO DI COVID-19

L’aver vissuto in prima persona una doppia sfida, il tumore e la pandemia, ha dato a Silvana l’occasione per riflettere e lasciare un messaggio a chi pensa che ora tutto tornerà subito come prima: «Lo stare in casa forzatamente è stato fondamentale per affrontare la pandemia. Per noi pazienti oncologici, la privazione della libertà è stata doppiamente pesante. Abbiamo vissuto la malattia in modo totalizzante, senza la possibilità di staccare per qualche momento. Un pensiero fisso. Non vogliamo essere compatiti, ma ora che timidamente ricominciamo a uscire è responsabilità di tutti proteggerci a vicenda. Siamo persone fragili, non vogliamo diventarlo ancor di più per il comportamento sconsiderato di pochi».


Daniele Banfi
Daniele Banfi

Giornalista professionista è redattore del sito della Fondazione Umberto Veronesi dal 2011. Laureato in Biologia presso l'Università Bicocca di Milano - con specializzazione in Genetica conseguita presso l'Università Diderot di Parigi - ha un master in Comunicazione della Scienza. Collabora con diverse testate nazionali.


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza

Torna a inizio pagina