Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Insieme per il nostro futuro. Sostieni la ricerca e la cura!

Dona ora

Per un pelo ci credevo!

Ci sono bufale senza peli sullo stomaco. Ci sono bufale da far rizzare i peli. E poi bufale proprio su di loro: i peli. Vediamole insieme

Per un pelo ci credevo!

Cara Agnese,

siamo troppi, e continuiamo a crescere. Ogni tanto qualcuno lassù decide di darci un taglio e manda qualche calamità, ma noi torniamo sempre, più forti di prima. Quanto può andare avanti tutto questo? Ho paura che prima o poi cercheranno di sterminarci con le maniere forti. Del resto, qualsiasi luogo popoliamo, lo rendiamo un posto più brutto. Non ci sarà misericordia per noi, la vendetta è inevitabile.

Chissà in che modo verremo estirpati.

Addio mondo crudele,
I peli

---

Cari (ehm) peli,

come siete drammatici. Innanzitutto, quanto siete sgraditi cambia molto non solo da cultura a cultura, ma anche da persona a persona. C’è chi apprezza un bel petto villoso, chi non ci fa troppo caso e chi, effettivamente, vi farebbe sparire dalla faccia (della Terra). Per quanto riguarda gli usi e costumi occidentali, l’abitudine femminile di farvi sloggiare da ascelle e gambe è nata in concomitanza all’uso di abiti che lasciavano queste parti del corpo scoperte (intorno agli anni ’20 del secolo scorso: leggi ad esempio qui e qui). Si tratta quindi di un’esigenza per lo più estetica (che prima non sapevamo di avere…), anche se in alcuni casi dovete togliere il disturbo per motivi di salute: per esempio prima di un’operazione chirurgica, o in caso di una sgradevole visita da parte di pidocchi.

I modi per farvi smammare sono diversi. In generale si parla di depilazione per le tecniche che tagliano tutta la vostra porzione che sporge dalla pelle, e di epilazione per gli stratagemmi che vi estirpano fin dalla vostra radice. E su tutte queste pratiche se ne sentono di cotte e di crude. La panzana più diffusa e dura a morire è quella secondo cui la depilazione con il rasoio vi faccia ricrescere più folti e duri, al contrario dell’epilazione con ceretta o epilatore elettrico. In realtà nessuno di questi strumenti cambia in alcun modo il numero di follicoli piliferi, le minuscole alcove (complete di capillari, ghiandole sebacee, e muscoli per farvi raddrizzare) nella pelle da cui voi nascete e spuntate. Di conseguenza, nessuno di questi aggeggi è in grado di rendervi più o meno folti. Anche la sensazione che cresciate più forti dopo una passata di rasoio in realtà deriva dal semplice fatto che viene tagliata solo la vostra punta (che è più sottile e chiara del fusto), quindi quando ricrescete non ripartite da zero: siete già belli spessi. Non vi convince? Allora vi farò una rivelazione sconcertante: cari peli, voi (così come i vostri fratelli maggiori, i capelli) siete morti. Già: siete fatti di materia morta, la cheratina. Sono le cellule che formano il follicolo a essere vive e pimpanti, e a produrvi continuamente. Pertanto, dato che il taglio col rasoio riguarda solo la vostra parte esterna e il follicolo che sgobba sottopelle non viene avvisato, perché mai una rasata dovrebbe irrobustirvi? 

Un’altra convinzione diffusa è che l’epilatore elettrico faccia venire più peli incarniti della ceretta. Voi peli vi incarnite quando crescendo non riuscite a bucare l’epidermide: in realtà pare che questo vi succeda allo stesso modo con epilatore o con ceretta, un po’ più spesso con il rasoio e un po’ meno con le creme depilatorie. L’importante è esfoliare regolarmente la pelle e rivolgersi al proprio medico nel caso qualcuno di voi si sia affezionato un po’ troppo a questa abitudine del crescere senza venire allo scoperto.

Ebbene sì, cari peli: avete vita difficile. Purtroppo, però, per la vostra dipartita definitiva dobbiamo attendere ancora: è proprio su questo punto che gioca il più grande malinteso in circolazione che vi riguardi. Infatti, checché se ne senta parlare spesso, un metodo che garantisca di sterminarvi proprio per sempre ancora non c’è (con nostro grande rammarico). Fra le tecniche più durature troviamo l’elettrolisi e l’elettrocoagulazione, nelle quali un ago sottilissimo che conduce corrente viene inserito in ciascun follicolo, che viene così distrutto per reazione chimica o per il calore generato; e la fotoepilazione mediante laser o luce pulsata, che invece danneggiano i follicoli mediante un fascio di luce che scalda il vostro bulbo e stecchisce le cellule intorno (quelle che vi producono). Tutti questi trattamenti danno generalmente buoni risultati nel breve-medio termine, specialmente se effettuati ripetutamente nell’arco di qualche mese. Tuttavia non ci sono ancora certezze in merito alla loro efficacia sul lungo termine: alcune persone nel tempo sperimentano una ricrescita e la necessità di un ritocco. Ed infatti l’americana FDA consente che queste tecniche vengano pubblicizzate come efficaci per una vostra diminuzione permanente ma non per l’eliminazione permanente (attenzione alla terminologia da quiz per la patente!). 

Insomma, amici (si fa per dire) peli: mi tocca comunicarvi che potete ancora dormire sonni tranquilli, per ora. Anche nelle notti di luna calante. (Psst: la storia dell’influenza delle fasi lunari su vari aspetti della nostra vita, come la crescita di peli e unghie o l’incidenza delle nascite, è un’altra bella favola di lunga data. Ma ne parliamo un’altra volta.)

Agnese
@AgneseCollino 



Commenti (0)