Il 23 e il 24 ottobre, in Veneto e in Piemonte, le prossime due tappe del ciclo di incontri «Libertà di sapere, libertà di scegliere», organizzati per discutere del diritto di scelta sul fine vita

A Belluno e a Novara si parla di testamento biologico e solidale

Torna il ciclo di incontri «Libertà di sapere, libertà di scegliere», con due nuove date in programma il 23 e il 24 ottobre: rispettivamente a Belluno e a Novara. L'occasione sarà propizia per parlare delle scelte da compiere nelle fasi finali della vita (Dat, disposizioni anticipate di trattamento) e delle opportunità che si hanno - attraverso il lascito testamentario - di dare continuità alle proprie scelte in favore delle generazioni future.


L'appuntamento di Belluno si terrà alle 18 nella sala Muccin del Centro Giovanni XXIII (Piazza Giorgio Piloni, 11). All'incontro, moderato dal giornalista scientifico Daniele Banfi, parteciperanno Maurizio Malvagna (presidente del Consiglio Notarile di Belluno), Marco Annoni (bioeticista e ricercatore di Fondazione Umberto Veronesi e Cnr) e Ferdinando Ricci (responsabile marketing e referente lasciti di Fondazione Umberto Veronesi).


Il giorno dopo, a Novara, l'appuntamento è previsto per la stessa ora nella sala consiliare della Provincia (piazza Giacomo Matteotti, 1). Oltre ad Annoni e Ricci, all'incontro parteciperà Gian Vittorio Cafagno (presidente del Consiglio notarile dei distretti riuniti di Novara, Vercelli e Casale Monferrato). La tavola rotonda sarà moderata da Fabio Di Todaro, giornalista scientifico della redazione.