Altre News

Donazione e trapianti: cosa cambierà con il «silenzio-assenso»?

pubblicato il 28-08-2019

Anche in Italia si potranno prelevare gli organi di una persona deceduta, se non avrà comunicato l'opposizione. «Silenzio-assenso» opportunità per ampliare il bacino dei potenziali donatori

Donazione e trapianti: cosa cambierà con il «silenzio-assenso»?

Un comunicato di poco più di dieci righe inviato dal Ministero della Salute il 20 agosto ha annunciato una svolta nel sistema della donazione degli organi in Italia. Il nostro Paese, alla pari di quanto da tempo accade in altre nazioni, si appresta ad applicare la legge sul «silenzio-assenso». Basterà che una persona non si rifiuti esplicitamente (in vita), dopodiché organi e tessuti utili potranno essere usati per effettuare dei trapianti (dopo il decesso). Serviranno diversi mesi prima che la macchina organizzativa cambi impostazione. Ma la strada è tracciata. L'obbiettivo è migliorare le performance nel campo dei trapianti, ampliando anzitutto il bacino dei potenziali donatori.


Fino a quale età si possono donare gli organi?


COSA CAMBIERA CON IL «SILENZIO-ASSENSO»?

La comunicazione è servita a dare notizia della firma del decreto attuativo che darà impulso alla legge 91 «entrata in vigore vent'anni fa, ma nei fatti rimasta lettera morta», per dirla con le parole di Giulia Grillo. Il passo compiuto è considerato cruciale. Se fino a oggi i cittadini italiani hanno dovuto dichiarare la volontà di diventare donatori di organi una volta deceduti, in futuro l'approccio sarà opposto. È chi non intende mettere i propri organi a disposizione che dovrà preoccuparsi di farlo sapere finché è in vita - come già fatto da un milione di italiani: a tanto ammonta la quota di coloro che si sono già «opposti» - o lasciarlo detto ai parenti di primo grado. In questo secondo caso, toccherà a loro esplicitare ai medici la volontà del congiunto di rinunciare alla donazione. Diversamente, varrà il principio del presunto consenso. «In questo modo potranno essere salvate molte più vite», ha aggiunto il ministro, convinta di poter (anche) così dare un taglio drastico alle liste di attesa per i trapianti.

TRAPIANTI E PRELIEVO DI ORGANI: COME FUNZIONA L'ACCERTAMENTO DI MORTE

COLMATO UN VUOTO LEGISLATIVO

La firma sul decreto ministeriale va a sanare un vuoto normativo presente da vent'anni. Il Sistema informativo trapianti - che raccoglie le dichiarazioni di volontà sulla donazione e registra tutti i dati relativi a donazioni, prelievi e trapianti - non ha finora potuto registrare le informazioni riguardanti la notifica del «silenzio-assenso» dai maggiorenni. Colpa proprio della mancata firma di questo decreto attuativo. Quello appena compiuto rappresenta dunque il primo passo della transizione. Per completarla, «lanceremo una nuova campagna informativa: abbiamo il dovere di rendere i cittadini adeguatamente informati», ha fatto sapere il ministro. Servirà aggiungere inoltre altri due tasselli: la costituzione di un'anagrafe nazionale degli assistiti (contenente i dati di tutti i cittadini) e un sistema di notifica per avvertire gli italiani dell’entrata in vigore della norma. In questo modo si darà la possibilità a chi vuole esimersi dalla donazione di farlo. 


Cosa si intende per donazione samaritana?


I PROSSIMI PASSI

«L’obbiettivo è abbattere la percentuale delle opposizioni, che si aggira intorno al trenta per cento», precisa Massimo Cardillo, direttore del Centro Nazionale Trapianti. Autorizzare il prelievo degli organi, per i familiari, può risultare una decisione difficile da prendere, subito dopo aver appreso il decesso di una persona cara. Da qui la maggior parte dei rifiuti, che viene comunicata se la persona deceduta non aveva chiarito in vita le proprie volontà. Con il «silenzio-assenso», invece, nessun altro potrà opporsi in assenza di dichiarazioni ufficiali. «In questi mesi dovremo far arrivare a tutti gli italiani le informazioni necessarie riguardanti i trapianti: ovvero la loro imprescindibilità nei confronti di diverse malattie, la gratuità e l'assoluta tutela nei confronti della persona deceduta», conclude lo specialista.


Fabio Di Todaro
Fabio Di Todaro

Giornalista professionista, lavora come redattore per la Fondazione Umberto Veronesi dal 2013. Laureato all’Università Statale di Milano in scienze biologiche, con indirizzo biologia della nutrizione, è in possesso di un master in giornalismo a stampa, radiotelevisivo e multimediale (Università Cattolica). Messe alle spalle alcune esperienze radiotelevisive, attualmente collabora anche con diverse testate nazionali ed è membro dell'Unione Giornalisti Italiani Scientifici (Ugis).


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza