Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Insieme per il nostro futuro. Sostieni la ricerca e la cura!

Dona ora
Altre News

SPECIALE “Farmaci equivalenti”

pubblicato il 21-05-2014

Tutto quello che c’è da sapere su questa preziosa risorsa. Minor costi e uguale efficacia. Italiani ancora scettici

SPECIALE “Farmaci equivalenti”

Equivalente o farmaco di marca? E' il dubbio che assilla non soltanto la comunità scientifica, ma anche medici e pazienti, da quando, nel 1996 l'Italia ha convertito in legge la Finanziaria del 28 dicembre 1995 che introduceva nel nostro paese il medicinale generico nella pratica medica.

L'Italia, però, a differenza di paesi come il Canada e la Gran Bretagna che hanno “sposato” l'avvento del generico, si è dimostrata cauta di fronte al loro utilizzo. Persistono ancora dubbi sull'uso di questo prodotti.

A differenza di altri paesi europei dove si arriva al 50 per cento, in Italia l’acquisto degli equivalenti non raggiunge il 20 per cento dei consumi totali di medicinali. Perché questo scetticismo? Funzionano davvero come quelli di marca? Le risposte a questi ed altri dubbi nello speciale “Farmaci equivalenti” di Fondazione Veronesi.

Generici o equivalenti? Quando lo scetticismo è questione di traduzione

I farmaci equivalenti hanno la stessa efficacia di quelli di marca?

Farmaci equivalenti: perché costano così poco?

Eccipienti: ecco cosa c’è da sapere

Tutti i passi delle legge sui generici

Quanto risparmierebbero le regioni con gli equivalenti?

(a cura di Daniele Banfi @danielebanfi83 ed Edoardo Stucchi)


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza