Chiudi
Cardiologia

Aterosclerosi: arterie a rischio se il sonno scarseggia

pubblicato il 02-03-2021

Individuato il meccanismo che unisce l'abitudine a dormire male con la formazione delle placche. Le notti agitate stimolano l’infiammazione, alla base dell'aterosclerosi

Aterosclerosi: arterie a rischio se il sonno scarseggia

Il sonno «a pezzi», con vari risvegli, non è una cosa salutare. Le conseguenze sembrano essere legate a un maggior rischio di sviluppare l’aterosclerosi. Le due condizioni (insonnia e aterosclerosi) da tempo apparivano associate. Ma ora una ricerca sembra aver trovato il meccanismo di congiunzione attraverso cui si potrà forse spezzare la catena che dall’ostruzione delle arterie può portare allo sviluppo delle malattie cardiovascolari e dell’ictus cerebrale. Lo studio viene dall’Università di California a Berkeley (Usa) ed è stato pubblicato sulla rivista scientifica Plos Biology.  

DORMIRE BENE PRESERVA
DALLA DEPRESSIONE? 

DUE STRUMENTI PER MISURARE LA QUALITÀ DEL SONNO

L’esperimento compiuto dai ricercatori è stato condotto in laboratorio e fuori. La traccia da seguire, la via di un’infiammazione. Persone dal sonno frammentato hanno dormito in laboratorio una notte sottoponendosi a una polisonnografia, l'esame che consente con elettrodi sulla testa di diagnosticare disturbi del sonno di origine respiratoria e neurologica; altri hanno indossato al polso un actigrafo che registra i movimenti di un sonno disturbato e lo hanno tenuto per varie notti.


Covid-19 ha lasciato il segno anche sul nostro sonno
 

Perché anche il cuore può risentire delle apnee notturne?

Perché anche il cuore può risentire delle apnee notturne?

28-11-2020
L'INFIAMMAZIONE CAUSATA DAI GLOBULI BIANCHI ALLA BASE DELL'ATEROSCLEROSI

Insieme, i medici hanno misurato i livelli di neutrofili e di monociti nel sangue, due tipi di globuli bianchi che fanno innalzare le vie infiammatorie. È così risultato che il sonno spezzato prepara un aumento dei neutrofili (ma non dei monociti) e un incremento del calcio nelle coronarie, segno di una malattia aterosclerotica in atto. Ma chiariamo cosa significa aterosclerosi: con il termine si intende un generico indurimento e perdita di elasticità delle pareti delle arterie causa la formazione di placche, dette ateromi o placche aterosclerotiche. In tal modo diminuisce lo spazio interno in cui scorre il sangue. .


Lo sport? Fa bene anche perché ci fa dormire di più
 

BUON SONNO: CALANO LE MALATTIE CARDIOVASCOLARI

Dunque il sonno disturbato porta a più neutrofili nel sangue che, a loro volta, producono un aumento di aterosclerosi. Questa associazione è stata trovata sia nelle misurazioni con la polisonnia sia ancor più, essendo il test durato sette notti, con l’actigrafo. Si è anche constatato che chiedere ai pazienti della qualità del loro sonno non è un sistema attendibile, dunque non utile. «Migliorare il sonno offre una nuova via per ridurre l’infiammazione e, di conseguenza, l'impatto dell’aterosclerosi - ha concluso Matthew Walker, a capo del gruppo di ricerca -. Le nostre scoperte potrebbero entrare nelle linee guida della salute pubblica: ottenere la continuità del sonno potrebbe abbassare il peso delle malattie cardiovascolari sulla società».


Memoria: i ricordi si fissano nel sonno profondo
 

Alzheimer: i consigli per evitarlo (dallo stile di vita alla cultura)

Alzheimer: i consigli per evitarlo (dallo stile di vita alla cultura)

05-11-2020
IL BUON SONNO RIDUCE ANCHE L'IMPATTO DELLE MALATTIE NEURODEGENERATIVE

«Questo studio avanza sulle tracce di una ricerca pubblicata sulla rivista Nature nel 2019 - commenta Giuseppe Plazzi, direttore del Centro del Sonno dell’Irccs delle Scienze Neurologiche di Bologna e presidente della Associazione italiana di medicina del sonno, Università Bologna -. Anche qui, infatti, si arriva al calcio come causa di aterosclerosi legata a un sonno disturbato. Si vede nella ricerca che il sonno troppo disturbato è negativo. Con l’actigrafo, legato al polso, si registrano movimenti dovuti al sonno a pezzi. E tutte le interruzioni attivano le cellule dell’infiammazione. Il buon sonno è fondamentale per la vita, troppo spesso lo si trascura. Allontana l’invecchiamento e le malattie neurodegenerative».

 

MELATONINA E PSICOTERAPIA SE SI FATICA A DORMIRE

Ma chi non ha un buon sonno come può rimediare? «Intanto rispettando le note regole sui tempi, sulla salubrità dell’ambiente, più in generale seguendo uno stile di vita sano - conclude lo specialista -. Come trattamenti si è dimostrata efficace, non meno dei farmaci, la psicoterapia cognitiva-comportamentale. Per le sostanze, prima dei sonniferi meglio provare la melatonina brevettata a rilascio prolungato». 

 

 

Dona ora per la ricerca contro i tumori

Dona ora per la ricerca contro i tumori

Sostieni la vita


Scegli la tua donazione

Importo che vuoi donare

Serena Zoli
Serena Zoli

Giornalista professionista, per 30 anni al Corriere della Sera, autrice del libro “E liberaci dal male oscuro - Che cos’è la depressione e come se ne esce”.


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza

Torna a inizio pagina