Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Insieme per il nostro futuro. Sostieni la ricerca e la cura!

Dona ora
Ginecologia

Zika, sei mesi di sesso protetto se si torna da aree a rischio

pubblicato il 09-09-2016
aggiornato il 20-06-2017

È quanto suggerisce l'Organizzazione Mondiale della Sanità, dopo aver scoperto che il virus Zika può essere trasmesso attraverso il liquido seminale

Zika, sei mesi di sesso protetto se si torna da aree a rischio

Niente sesso. O, tutt'al più, protetto. È quanto raccomanda l'Organizzazione Mondiale della Sanità a tutti coloro che sono rientrati da meno di sei mesi da uno dei Paesi in cui è presente il virus Zika, ritenuto responsabile dell'aumento dei casi di microcefalia. La massima istituzione mondiale in campo sanitario ha così aggiornato le linee guida che raccomandavano cautela per i primi due mesi successivi al rientro da una delle aree a rischio. «Le nuove indicazioni sono valide sia per gli uomini sia per le donne, anche in assenza di sintomi», si legge nel documento. L’aggiornamento si basa sui risultati degli ultimi studi sulla trasmissione sessuale del virus. Nelle ultime settimane sono stati verificati contagi da uomini e donne asintomatiche e si è visto che il virus può rimanere nel liquido seminale più a lungo del previsto.

TENERE LE ZANZARE LONTANE IN SETTE MOSSE 

 

Zika è molto diffuso in diversi Paesi dell’America Latina e dei Caraibi, ma nelle ultime settimane a preoccupare è stato sopratutto è l'aumento delle infezioni in corso in Asia. Le autorità di Singapore hanno confermato 41 casi trasmessi localmente, di cui 36 hanno riguardato operai stranieri al lavoro nel sito di Aljunied, nel sudest dell'isola. Zika sarebbe stato portato nel Paese nel maggio scorso da un 48enne che aveva viaggiato in Brasile. 


@fabioditodaro 

 

Fabio Di Todaro
Fabio Di Todaro

Giornalista professionista, lavora come redattore per la Fondazione Umberto Veronesi dal 2013. Laureato all’Università Statale di Milano in scienze biologiche, con indirizzo biologia della nutrizione, è in possesso di un master in giornalismo a stampa, radiotelevisivo e multimediale (Università Cattolica). Messe alle spalle alcune esperienze radiotelevisive, attualmente collabora anche con diverse testate nazionali.


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza