Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Insieme per il nostro futuro. Sostieni la ricerca e la cura!

Dona ora
Neuroscienze

Come difendersi dai falsi psicologi e psicoterapeuti

pubblicato il 26-05-2012

Le cronache recenti denunciano un aumento di falsi professionisti e l’Ordine degli psicologi mette a disposizione nelle farmacie un opuscolo-fumetto con utilissimi consigli

Come difendersi dai falsi psicologi e psicoterapeuti

Le cronache recenti denunciano un aumento di falsi professionisti e l’Ordine degli psicologi mette a disposizione nelle farmacie un opuscolo-fumetto con utilissimi consigli

E’ allarme per i falsi psicologi che, travestiti da maghi, consulenti dell’anima, coach, carpiscono la buona fede di persone che in un momento di crisi o depressione chiedono aiuto, di essere ascoltati o un consiglio.

L’INTERVENTO DEI NAS - Per questo l’Ordine degli Psicologi della Lombardia ha presentato  due iniziative per contrastare il fenomeno dell’abusivismo professionale che sta dilagando dappertutto e che in Lombardia è più evidente grazie agli interventi dell’autorità giudiziaria. Il primo passo è la realizzazione di un fumetto informativo distribuito in 2000  farmacie della Lombardia, con la collaborazione di federfarma,  per aiutare la gente a non cadere nelle trappole dei falsi psicologi e falsi psicoterapeuti. Il secondo passo è la collaborazione operativa con il N.A.S. (Nucleo Antisofisticazione e Sanità) Carabinieri di Milano.

Con il fumetto, ideato da Roberto Gavin,  Direttore Centro Istituto Scienze Cognitive e Relazionali di Varese e Presidente Associazione Psicologi Lombardia, disegnato da Giuseppe Candita,  i cittadini possono facilmente comprendere come si comporta lo pseudo psicologo o psicoterapeuta, quali danni può provocare e come trovare un professionista serio ed accreditato.

LA STORIA - Nel fumetto si racconta la storia di una donna che tenta di risolvere i suoi problemi di disagio contattando un pseudo-professionista che, in questo caso, viene presentato come un uomo elegante all’interno di un bellissimo studio. Ma l’abusivo può avere diverse forme: può presentarsi in camice bianco, oppure come una donna dallo stile un po’ alternativo o come un abile manager che sa risolvere rapidamente qualsiasi problema psicologico.

5 REGOLE D’ORO - Queste le indicazioni che sono contenute nell’opuscolo-fumetto:  

  • Solo lo psicologo e il medico psichiatra o psicoterapeuta sono autorizzati a prendersi cura della sofferenza psichica. 
  • Se si sta vivendo un periodo anche limitato di sofferenza a causa di una perdita o un momento di crisi, se si soffre di ansia, depressione, disturbi alimentari, dipendenze o altri disagi e ci si vuole far aiutare, occorre  verificare l'iscrizione all’Albo di chi svolge attività psicologica sul sito www.psy.it a livello nazionale e www.opl.it in Lombardia.
  • Sono molte le associazioni e le federazioni che riuniscono gli abusivi, creando false "garanzie". La scuola e l'azienda sono le realtà in cui il fenomeno dell'abusivismo è più frequente.
  • E' un atto di civiltà segnalare i soggetti che svolgono attività psicologica senza autorizzazione. Non sono autorizzati a svolgere diagnosi, sostegno psicologico, riabilitazione nè alcuna forma di terapia soggetti che si conferiscono titoli non riconosciuti come ad esempio counselor, coach, pedagogista clinico.
  • In caso di dubbio si può inoltrare una domanda alla mail segreteria@opl.it, e, in caso di segnalazione corroborata da una o più testimonianze o riscontri, l'Ordine provvederà in autonomia e a proprie spese a inoltrare denuncia alle competenti autorità.

Edoardo Stucchi


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza