Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Insieme per il nostro futuro. Sostieni la ricerca e la cura!

Dona ora
Neuroscienze

Legalizzare la marijuana terapeutica non fa crescere l’uso tra gli adolescenti

pubblicato il 24-06-2015
aggiornato il 22-02-2017

I timori su una maggiore diffusione della droga, una volta ammessa per uso medico, smentiti da una ricerca Usa su un milione di ragazzi di 13-18 anni

Legalizzare la marijuana terapeutica non fa crescere l’uso tra gli adolescenti

Fra le ragioni addotte contro la legalizzazione della marijuana per uso medico c’è sempre stata la paura di diffonderne l’uso a scopo ricreativo tra i giovanissimi. Ora un’ampia ricerca americana sembra smentire questo timore. L’indagine, comparsa su The Lancet, ha esaminato un milione di adolescenti (13-18 anni) in diversi stati contigui degli Usa e in un periodo di 24 anni (1991-2014). Prima e dopo l’emanazione delle leggi che permettevano, l’uso a scopo terapeutico della cannabis non è stato rilevato nessun aumento della diffusione tra i ragazzi. Certo, i canali medici e i canali della droga da strada sono diversi, ma si temeva comunque, e tanti temono tuttora, che in ogni caso la marijuana divenga più accessibile, nel senso che ne circola di più e potrebbe divenire più “accettabile”.

 

SCIENZA E PREGIUDIZIO

Scrivendo un commento all’ampia ricerca condotta dalla professoressa di Epidemiologia alla Columbia University, Deborah Hasin, un esponente della Divisione per l’abuso di alcool e droga, il dottor Kevin Hill, ha dichiarato: «Anche altri studi hanno confermato questi risultati, per cui le decisioni future sull’uso terapeutico della marijuana dovrebbero tener conto di queste evidenze. E l'uso della scienza per sfatare le convinzioni puramente ideologiche deve restare un punto fermo della ricerca sulle politiche per la marijuana». In Italia l’uso della marijuana a scopo curativo, tra cui la terapia del dolore ma non solo, è legale e a produrla sul nostro suolo è solo l’Esercito in una struttura vicino a Firenze.

Serena Zoli
Serena Zoli

Giornalista professionista, per 30 anni al Corriere della Sera, autrice del libro “E liberaci dal male oscuro - Che cos’è la depressione e come se ne esce”.


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza