Salomè Mara

NOTE BIOGRAFICHE

  • Nata a Napoli nel 1988
  • Laureata in Biologia Cellulare e Molecolare presso l’Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  • PhD in Cancer Studies presso la University of Glasgow


Una nuova molecola contro la leucemia linfoblastica acuta tipo B (leggi l'intervista)

2019

Nuovi farmaci inibitori di DUX4-IGH nella leucemia linfoblastica acuta


La leucemia linfoblastica acuta di tipo B è la forma più comune di cancro pediatrico e la maggiore causa di morte in pazienti oncologici sotto i 20 anni. I pazienti con leucemia presentano una serie di mutazioni a carico del genoma, che possono essere diverse in diversi pazienti, influenzando l’aggressività del tumore e le possibilità di sopravvivenza. Per questo motivo è fondamentale adattare la terapia alla tipologia di mutazioni presenti, migliorando l’efficacia delle cure e riducendone la tossicità.


Un esempio in questo senso è rappresentato dalla proteina mutante chiamata DUX4-IGH, importante per lo sviluppo del linfoma e assente nelle cellule sane. Studi precedenti hanno scoperto una proteina in grado di interagire con DUX4-IGH, inibendo la sua attività tumorale: obiettivo di questo progetto sarà dunque studiare ulteriormente questa proteina, in vitro e su modelli animali, valutando il suo potenziale come farmaco da usare per la terapia. Verrà valutata la sua capacità inibitrice, ovvero se la molecola sia in grado di ridurre la crescita tumorale, promuovendo lo sviluppo di nuovi farmaci per la cura di pazienti affetti da leucemia dovuta a DUX4-IGH.


Obiettivo dello progetto è valutare l’efficacia anti-tumorale di una nuova proteina, nella leucemia linfoblastica acuta con mutazione DUX4-IGH.


DOVE SVILUPPERA' PROGETTO:

IRCCS Ospedale San Raffaele, Milano

Area

Oncologia