Il Fondazione Veronesi Award a Morini, Filipello, Apicella e Amodio

Il riconoscimento a Fabia Filipello, Raffaella Morini, Maria Apicella e Nicola Amodio. I loro studi sono stati selezionati sulla base dell’impact factor della rivista scientifica e del potenziale traslazionale della ricerca

Nel corso della cerimonia di consegna dei Grant, è stata assegnato assegnato anche il Fondazione Umberto Veronesi Award, giunto alla seconda edizione. Ad aggiudicarsi il premio per le migliori ricerche pubblicate nell’anno precedente (2018) - sulla base dell’impact factor e del potenziale traslazionale della ricerca - sono stati Fabia Filipello (assente, perché negli Stati Uniti), Raffaella Morini (nella foto la seconda da destra, accanto a Chiara Tonelli), Maria Apicella (nel mezzo) e Nicola Amodio (accanto a Paolo Veronesi). 


Di seguito i loro progetti: 


1) Raffaella MoriniFabia Filipello, sostenute da Fondazione Umberto Veronesi rispettivamente nel 2013-2014 e nel 2018, hanno portato avanti la loro ricerca all'Istituto Clinico Humanitas di Rozzano (Milano) e sono prime co-autrici a pari merito di uno studio pubblicato sulla rivista Immunity che ha rivelato l’importanza del recettore microgliale TREM2 durante lo sviluppo cerebrale. La scoperta potrebbe aprire nuovi scenari nella comprensione dei meccanismi alla base di malattie del neurosviluppo, come i disturbi dello spettro autistico. 

2) Maria Apicella, sostenuta da Fondazione Umberto Veronesi nel 2018, ha svolto la ricerca all'Istituto di Candiolo - Fondazione del Piemonte per l'Oncologia (Torino). L'articolo premiato, pubblicato sulla rivista Cell Metabolism, evidenzia un nuovo meccanismo di simbiosi tra le cellule tumorali e il microambiente, responsabile della resistenza ai farmaci antitumorali.


3) Nicola Amodio, sostenuto nel 2015, lavora all’Università degli Studi Magna Graecia di Catanzaro. Il suo articolo, pubblicato a febbraio dello scorso anno sulla rivista Leukemia, ha dimostrato il ruolo di un piccolo Rna messaggero nell'insorgenza del mieloma multiplo


Per essere inclusi nella competizione, che rappresenta un'occasione per conferire un riconoscimento al lavoro dei ricercatori, gli articoli scientifici devono rispettare i seguenti requisiti:

  • pubblicazione nell’anno precedente su una rivista internazionale peer-reviewed;

  • il ricercatore sostenuto da Fondazione Umberto Veronesi deve risultare come primo o ultimo autore;

  • Fondazione Umberto Veronesi deve essere esplicitamente nominata nei ringraziamenti o nelle affiliazioni;

  • in caso parte della ricerca sia stata svolta all’estero, l’affiliazione del ricercatore doveva riportare anche il laboratorio italiano di provenienza;

  • l’articolo deve essere stato inviato alla Fondazione Umberto Veronesi a pubblicazione avvenuta