Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Insieme per il nostro futuro. Sostieni la ricerca e la cura!

Dona ora
Altre News

Ecco come si calcola il ticket in Lombardia e chi sono gli assistiti esenti

pubblicato il 26-05-2012

E’ in vigore in Lombardia il nuovo provvedimento regionale di rimodulazione del ticket. Il ticket non sarà più di 10 euro fissi per ogni tipo di prestazione ma proporzionale al valore della prestazione e che va da 0 ai 30 euro. Resta invariato il ticket sulle prestazioni di Pronto Soccorso, con l’applicazione del ticket da 25 euro sui codici bianchi e la conferma dell’esenzione per gli altri codici.

Ecco come si calcola il ticket in Lombardia e chi sono gli assistiti esenti

E’ in vigore in Lombardia il nuovo provvedimento regionale di rimodulazione del ticket. Il ticket non sarà più di 10 euro fissi per ogni tipo di prestazione ma proporzionale al valore della prestazione e che va da 0 ai 30 euro. Resta invariato il ticket sulle prestazioni di Pronto Soccorso, con l’applicazione del ticket da 25 euro sui codici bianchi e la conferma dell’esenzione per gli altri codici.

Sono esenti da ticket:
tutti i cittadini di età inferiore a 14 anni indipendentemente dal reddito

  • i cittadini di età superiore a 65, purché appartenenti a nucleo familiare fiscale con reddito lordo complessivo non superiore a 38.500 euro, riferito all'anno precedente/ultima dichiarazione dei redditi presentata
  • i titolari di pensioni sociali e i familiari a carico
  • i titolari di pensioni al minimo ultrasessantenni e i familiari a carico: questa condizione è subordinata all'appartenenza a nucleo familiare fiscale con reddito complessivo lordo, riferito all'anno precedente, inferiore a 8.263,31 euro (lire 16 milioni), 11.362,05 euro (lire 22 milioni) se con coniuge a carico, incrementato di 516,45 euro (lire 1 milione) per ogni figlio a carico
    a partire dal 1.01.2010 ai sensi della DGR n. 10804/2009 sono esenti :
  • i disoccupati iscritti agli elenchi anagrafici dei Centri per l’impiego e i familiari a carico
  • i lavoratori in mobilità e i familiari a carico
  • i lavoratori in cassa integrazione straordinaria e i familiari a carico
  • i lavoratori in cassa integrazione "in deroga"
  • gli invalidi civili con percentuale superiore ai 2/3, o con assegno di accompagnamento, o con indennità di frequenza
  • i ciechi e i sordomuti di cui agli artt. 6 e 7 della Legge 482/68
  • gli infortunati sul lavoro e gli affetti da malattie professionali per le prestazioni correlate
  • le categorie dalla I alla V degli invalidi di guerra e per servizio e gli invalidi per lavoro con percentuale superiore a 2/3 sono totalmente esenti, mentre sono esenti solo per le prestazioni correlate alla patologia invalidante le categorie dalla VI all'VIII e gli invalidi per lavoro con percentuale inferiore a 2/3v
  • vittime del dovere e familiari


Sono inoltre escluse dal ticket le seguenti prestazioni finalizzate alla diagnosi precoce dei tumori:
Mammografia ogni 2 anni per le donne tra 45 e 69 anni, e tutte le prestazioni di secondo livello qualora l'esame mammografico lo richieda;
Pap test ogni 3 anni per le donne tra 25 e 65 anni
Colonscopia ogni 5 anni oltre i 45 anni di età e per i gruppi a rischio
Accertamenti specifici per neoplasie in età giovanile, secondo criteri determinati dal Ministero della Sanità

Edoardo Stucchi


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza