Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Insieme per il nostro futuro. Sostieni la ricerca e la cura!

Dona ora
Altre News

Lo spazzolino tradizionale va in pensione

pubblicato il 26-05-2012

Le Linee Guida dell’igiene dentale raccomandano quello elettrico in grado di assicurare una pulizia profonda dei denti

Lo spazzolino tradizionale va in pensione

Le Linee Guida  dell’igiene dentale raccomandano quello elettrico in grado di assicurare una pulizia profonda dei denti

Le Linee Guida Nazionali per la promozione della salute e la prevenzione delle patologie orali in età adulta, raccomandano fra le regole più importanti l’uso dello spazzolino elettrico rispetto a quello tradizionale. Più efficace e preciso nel rimuovere placca e tartaro, primo veicolo delle malattie della bocca, viene promosso a pieni voti anche dal Ministero della Salute e, oggi, dall’Associazione Igienisti Dentali Italiani (A.I.D.I.)

L’IGIENE ORALE – Le poche buone regole per superare la prova del ‘sorriso sano’ sono ormai note: fare una seduta dal dentista e dall’igienista almeno una volta all’anno, lavarsi accuratamente i denti (per almeno tre minuti) mezz’ora dopo i pasti per evitare che le sostanze acide di cibi e bevande corrodano lo smalto, usare dentifrici al fluoro, filo interdentale o scovolino e pulizia della lingua. Fin qui tutto come da copione, ma l’innovazione arriva con lo strumento di pulizia per eccellenza. È, infatti, l’ora di mandare in pensione il classico spazzolino, quello manuale con setole in nylon, dalle testine grandi e dal manico colorato e lasciare il posto al rivoluzionario spazzolino elettrico. «Il movimento oscillante-rotante e pulsante della testina – spiega Marialice Boldi, Presidente A.I.D.I – è più efficace per rimuovere la placca e per raggiungere le aree più difficili della bocca». Gli spazzolini elettrici iper-tecnologici dispongono addirittura di cinque possibilità di spazzolamento (pulizia giornaliera, delicato, lucidatura, massaggio e pulizia profonda) che consentono un utilizzo personalizzato dello strumento, adatto anche alle bocche più esigenti. «Questo perché – aggiunge Luca Levrini, professore presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi dell’Insubria – i denti non devo essere fregati ma lucidati per non creare microfratture nello smalto». Sappiamo davvero ‘accarezzare’ i nostri denti mentre li laviamo? Lo spazzolino elettrico te lo dice con un allarme, altro nuovissimo dispositivo, collegato al sensore della pressione che avverte in caso di spazzolamento troppo vigoroso.

Francesca Morelli


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza

Da non perdere

News dalla Fondazione Eventi Iniziative editoriali Il meglio dai Blog Video