Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Insieme per il nostro futuro. Sostieni la ricerca e la cura!

Dona ora
Cardiologia

L'ipertensione in Italia e nel mondo

pubblicato il 17-05-2014

La pressione alta accomuna paesi ricchi e paesi poveri. L'effetto della globalizzazione dei fattori di rischio

L'ipertensione in Italia e nel mondo

In Italia si stima che circa 15 milioni di persone abbiano la pressione arteriosa troppo alta, e la metà non lo sappia.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) allarga lo sguardo e definisce l’ipertensione uno dei principali problemi di salute pubblica, che riguarda un miliardo di persone nel mondo e causa nove milioni di vittime l’anno.

Ad essa si imputano circa la metà dei decessi per malattia cardio e cerebrovascolare. Ma cosa accomuna i pazienti in fila dal medico in Italia, Brasile Russia o Thailandia? Invecchiamento, urbanizzazione e globalizzazione di abitudini di vita poco salutari, secondo Margaret Chan, direttore generale dell’Oms.

La buona notizia è che la pressione alta si può prevenire e si può trattare efficacemente. Molti dei paesi più ricchi, rilevano gli esperti Oms, hanno iniziato a ridurre l’impatto dell’ipertensione grazie a decise campagne di sensibilizzazione, misure di salute pubblica come la riduzione del sale nei prodotti alimentari industriali, disponibilità diffusa di tecniche efficaci per diagnosticare e trattare il disturbo. Al contrario, nei paesi poveri la misura del danno (infarti, ictus) è in crescita. Sono le popolazioni a reddito medio-basso che stanno pagando il prezzo più alto.

torna allo SPECIALE Ipertensione


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza

Da non perdere

News dalla Fondazione Eventi Iniziative editoriali Il meglio dai Blog Video