Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Insieme per il nostro futuro. Sostieni la ricerca e la cura!

Dona ora
Fumo

Addio fumo? Solo se m'aiuti

pubblicato il 30-07-2012

Un’indagine online della Fondazione Veronesi sull’abbandono delle sigarette. Il 58% confessa: troppo poca volontà. Per le donne spesso una “bionda” vuol dire rilassarsi. Per riuscire contro la dipendenza servono sostegni concreti: vedi il nostro Forum e l’app per l’iPhone

Addio fumo? Solo se m'aiuti

Un’indagine online della Fondazione Veronesi sull’abbandono delle sigarette. Il 58% confessa: troppo poca volontà. Per le donne spesso una “bionda” vuol dire rilassarsi. Per riuscire contro la dipendenza servono sostegni concreti: vedi il nostro Forum e l’app per l’iPhone

 

Le donne continuano a fumare perché è l’unico modo che hanno per rilassarsi. E’ questa la risposta di varie signore interpellate per un’indagine online  sul perché non si abbandona la sigaretta, promossa da Fondazione Veronesi e Fondazione Pfizer.

Mille tra fumatori ed ex fumatori hanno indicato come cause principali dell’incapacità di smettere la scarsa forza di volontà (58,2%) e la dipendenza psicofisica (22,9%). Ma un 23,3% si è dichiarato per nulla intenzionato a smettere o perché genericamente “non gli interessa” (37,3%) o perché vive il fumo come un piacere (27,9%).

E fra quanti ci provano, chi riesce? Ahimè solo il 22,2% ha avuto successo contro il 54,5% che non ce l’ha fatta.

SALUTE SOLO PER SE’? - Tra i motivi che hanno spinto gli intervistati a cercare di dire basta alle sigarette domina il miglioramento della salute (62,1%) mentre ha pesato solo per il 32,6% la preoccupazione per la salute della famiglia, e dei figli in particolare, investiti dal fumo passivo.

Quanto all’efficacia delle varie campagne antifumo, le ha ritenute inefficaci il 51% degli intervistati perché, hanno spiegato, la strada che porta all’addio al fumo ha bisogno di un concreto supporto esterno.

LA VIA PASSO PER PASSO - Il professor Paolo Veronesi, presidente della Fondazione Umberto Veronesi, ha così commentato gli esiti dell’indagine: «Abbiamo trovato la risposta ai due quesiti fondamentali che ci eravamo posti. Da una parte ci ha confermato che gli strumenti messi a disposizione dalla nostra Campagna No Smoking Be Happy rispondono perfettamente alle richieste non soddisfatte di supporto da parte del pubblico. Ad esempio, recentemente sul sito abbiamo creato la sezione Forum in cui è possibile confrontarsi con medici specializzati  e con chi ha intrapreso lo stesso percorso, con lo scopo di condividere i propri successi e le difficoltà. Inoltre, ecco l’Applicazione per iPhone, validissimo supporto per sostenere il cammino della disassuefazione giorno per giorno. Può essere una via difficile, ma enormi sono i vantaggi che se ne ricavano».

Serena Zoli

Per approfondire:

SCOPRI DI PIU' SULLA CAMPAGNA NO SMOKING BE HAPPY

VISITA IL FORUM NO SMOKING BE HAPPY

SCARICA LA APP NO SMOKING BE HAPPY


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza