Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Insieme per il nostro futuro. Sostieni la ricerca e la cura!

Dona ora
Fumo

Sperimentato il vaccino anti-fumo

pubblicato il 22-03-2013

L'immunizzazione, provata solo su pochi fumatori, ha ridotto sensibilmente la dipendenza da sigaretta. Roberto Boffi, pneumologo e direttore del Centro Antifumo dell’Istituto nazionale dei Tumori, spiega il meccanismo d’azione. Ma esprime anche dubbi, non solo clinici

Sperimentato il vaccino anti-fumo

 

L'immunizzazione, provata solo su pochi fumatori, ha ridotto sensibilmente la dipendenza da sigaretta. Il parere di Roberto Boffi, pneumologo e direttore del Centro Antifumo dell’Istituto nazionale dei Tumori

Undici persone sono state vaccinate contro le sigarette. Ne fumavano in media 19 al giorno da circa 10 anni. Dopo la vaccinazione  il craving, come  viene chiamato il bisogno impellente trasmesso al cervello per una sostanza da cui si è dipendenti, è calato sensibilmente

LO STUDIO - Si è trattato di un esperimento con una “ipotesi” di vaccino,  realizzato alla Yale School of  Medicine, negli Stati Uniti, e come ammettono gli stessi studiosi guidati dalla psichiatra Irina Esterlis, undici persone è un numero troppo basso per dare un risultato certo. Ma quello che cercavano era un segnale per proseguire sulla linea intrapresa e la risposta ritengono che sia stata positiva.

«Intanto sarebbe deleterio che qualcuno prendesse questa “promessa” come scusa per non tentare di smettere subito. Da solo o con aiuti, che ci sono», esordisce il dottor Roberto Boffi, direttore del Centro Antifumo dell’Istituto nazionale dei Tumori di Milano.

ANTICORPI CONTRO IL PIACERE - Nella sperimentazione americana le persone sono state immunizzate nei confronti della nicotina. Come avviene questo processo?

«Il vaccino agisce sui recettori della nicotina, spiega Roberto Boffi. Come tutti i vaccini, crea anticorpi specifici che impediscono alla nicotina di arrivare al cervello: allora non si prova piacere a fumare e non si crea, perciò, dipendenza».

Il problema del tabagismo è risolto?

«Mah, intanto vanno verificati i livelli di efficacia e l’innocuità. E, poi, qui non siamo in presenza di un virus, di un’infezione da debellare. Si tratta dell’assumere o no una sostanza e nella droga-fumo sono coinvolti anche aspetti cognitivi, psicologici della persona. Paure, insicurezze… che facciamo? Ci immunizziamo da tutto? Anche dalle nostre paure?».

In effetti stanno cercando pure  un vaccino contro la cocaina…

Boffi nota: «Oltre a essere innocuo ed efficace, arrivo a chiedermi se sia giusto, un vaccino… Con la sua presunzione di immunizzare in modo permanente, per prima cosa andrebbe dato a persone molto motivate a smettere di fumare. Io, ovviamente, da pneumologo, sono  contro il fumo, però penso che chi fuma non vada “violentato”. Fumare o non fumare devono essere tappe di un processo personale. Inoltre sempre più emergono, nella ricerca del  problema fumo, elementi genetici».

I FARMACI  UTILI – Alcuni, in effetti, risultano più dipendenti di altri. E se si dice no al vaccino – che comunque per ora non esiste – come smettere se non ci si riesce da soli? «L’ho già detto, esistono aiuti di provata efficacia. Psicologici e farmacologici.  Il bupropione e la vareniclina sono sostanze che aiutano a non stare male quando si smette. Il più potente farmaco resta la volontà».

Serena Zoli

 


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza

Da non perdere

News dalla Fondazione Eventi Iniziative editoriali Il meglio dai Blog Video