Al via il reclutamento delle Pink Ambassador 2021

Al via per le donne reduci da un tumore al seno, all'utero o all'ovaio la possibilità di entrare a far parte dei Runner Team che nasceranno in diverse città. Candidature fino all'11 febbraio

Con l'inizio del nuovo anno, si appresta a ripartire anche l'avventura delle Pink Ambassador. Donne, runner e ambasciatrici di un forte messaggio: dopo la malattia si può tornare a vivere più forti di prima, anche grazie alla corsa.


Con l'obbiettivo di diffondere questa consapevolezza, Fondazione Umberto Veronesi recluta ogni anno donne operate di tumore al seno, all'utero e all'ovaio che accettano una nuova sfida: allenarsi con tenacia per alcuni mesi con l’obiettivo di arrivare a correre 21 chilometri, la distanza di una mezza maratona. Il progetto, nato a Milano nel 2014, è oggi attivo anche in altre 13 città: Torino, Varese, Monza-Brianza, Verona, Bologna, Firenze, Perugia, Roma, Napoli, Bari, Catania, Palermo e Cagliari.


L'auspicio, per quest'anno, è quello di ampliare la presenza in Italia. Per questo, a partire dall'11 gennaio per un mese, Fondazione Umberto Veronesi apre le candidature per reclutare le Pink Ambassador che inizieranno ad allenarsi ad aprile. Per inviare la propria (in fondo all'articolo sono riportati tutti i dettagli), è necessario aver concluso la chemioterapia o la radioterapia entro settembre 2020.

I gruppi saranno seguiti da uno staff tecnico composto da allenatori, nutrizionisti e psicologi. La partecipazione è gratuita, ma viene richiesto un impegno costante per tutta la durata degli allenamenti, che termineranno il 31 ottobre 2021. In ogni città, i gruppi di runner verranno attivati solo al raggiungimento di un numero minimo di 20 partecipanti

 

Per candidarsi, è sufficiente compilare l’apposito form al seguente link: https://reclutamentopink.fondazioneveronesi.it/ (dove sono riportate anche tutte le condizioni per l'arruolamento). Per ulteriori informazioni, è possibile inviare un'email all'indirizzo corriperlaricerca@fondazioneveronesi.it.


Torna a inizio pagina