Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora
La Fondazione Umberto Veronesi torna in tv con «L’Ora della Salute»

Dal 16 dicembre, su La 7 (ogni domenica alle 12,50), riparte il programma realizzato da Fondazione Umberto Veronesi e Teva Italia

Domenica 16 dicembre, alle ore 12,50 su La7, torna «L’ora della Salute». Il programma - un progetto editoriale di Fondazione Umberto Veronesi e Teva Italia, che segue la prima edizione in onda nel 2017 - ha l’obiettivo di raccontare, in modo rigoroso e aggiornato, la medicina di oggi. Diciotto le puntate previste per questa stagione, che andranno in onda tutte le domeniche dal 16 dicembre al 14 aprile. La conduzione sarà affidata alla giornalista scientifica Annalisa Manduca.


Obiettivo de «L’ora della Salute» - il format è prodotto da Libero produzioni televisive e realizzato con il contributo della redazione scientifica di Fondazione Umberto Veronesi - è quello di sensibilizzare e informare correttamente i telespettatori sulle diverse tematiche legate alla salute e al benessere. «Abbiamo deciso di dare seguito a questo progetto perché siamo convinti che, usando un linguaggio semplice e autorevole, i telespettatori possano comprendere i benefici della ricerca e avere accesso a valide informazioni sul piano scientifico», afferma Paolo Veronesi, Presidente di Fondazione Umberto Veronesi.


Durante le puntate - grazie alla presenza in studio di medici, ricercatori e pazienti - verranno approfonditi temi di grande interesse pubblico: dall’importanza dei vaccini all’impatto della tecnologia sulla salute, dalla necessità di diffondere una cultura della donazione a quella di incentivare l'educazione alla sessualità fin dall'età adolescenziale. Spazio sarà dato anche ad altri temi protagonisti dell'attività della Fondazione Umberto Veronesi: dai bisogni dei bambini che s'ammalano di tumore all'importanza della prevenzione tanto nell'uomo quanto nella donna. Il ruolo che ha il rispetto di un adeguato stile di vita nel determinare lo stato di salute sarà il filo conduttore tra tutte le puntate.  


Tutte le puntate, dopo la messa in onda della domenica, saranno trasmesse in replica il sabato successivo su La7d (alle 7,50 della mattina). Chi non avrà avuto modo di seguire il programma in tv, potrà rivedere le singole puntate sulla pagina web de «L’ora della Salute» (clicca qui per aprirla). 


I titoli delle prime dieci puntate:

 

16 dicembre 2018 - «Il punto sui vaccini»
Ospiti: Pier Luigi Lopalco (docente di igiene e medicina preventiva all'Università di Pisa ), Agnese Collino (supervisione scientifica Fondazione Umberto Veronesi), Irene Cetin (direttore della clinica ostetrica e ginecologica dell’ospedale Vittore Buzzi di Milano)


23 dicembre 2018 - «L'importanza del dono»
 
Ospiti: Alessandro Nanni Costa (direttore del Centro Nazionale Trapianti), Marco Annoni (bioeticista e segretario del comitato etico della Fondazione Umberto Veronesi), Luca Santoleri (direttore del servizio di immunoematologia e medicina trasfusionale dell'ospedale San Raffaele di Milano)


30 dicembre 2018 - «Mens sana in corpore sano»
 
Ospiti: Barbara Gottardi (medico sportivo), Elena Dogliotti (biologa nutrizionista e supervisore scientifico per Fondazione Umberto Veronesi), Alberto Martina (docente di scienze del farmaco all'Università di Pavia)


6 gennaio 2019 - «Stili di stress»
 
Ospiti: Andrea Fagiolini (direttore del dipartimento di salute mentale dell'azienda ospedaliero-universitaria di Siena), Giuseppe Banderali (direttore dell'unità operativa complessa di pediatria dell'ospedale San Paolo di Milano e membro del consiglio direttivo della Società Italiana di Pediatria), Alberto Pellai (medico e psicoterapeuta dell'età evolutiva, ricercatore dell'Università degli Studi di Milano)


13 gennaio 2019 - «Medicina: oggi e domani»
Ospiti: Silvio Garattini (farmacologo, Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri di Milano), Michele Maio (direttore del Centro di Immuno-Oncologia e dell'unità operativa complessa di immunoterapia oncologica dell'azienda ospedaliero-universitaria di Siena)


20 gennaio 2019 - «Malati di tecnologia»
Ospiti: Matteo Lancini (psicoterapeuta, presidente della Fondazione Minotauro e docente all'Università di Milano-Bicocca), Marina Ruspa (ginecologa del Centro di riferimento di assistenza per i problemi della violenza alle donne e ai minori della Fondazione IRCCS Ca' Granda - Ospedale Maggiore Policlinico di Milano), Eugenio Santoro (responsabile del laboratorio di informatica medica dell'Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri di Milano), Luigi Lavorgna (neurologo, Università della Campania Luigi Vanvitelli)


27 gennaio 2019 - «Vivere bene allunga la vita»
Ospiti: Matteo Cesari (primario dell'unità operativa di geriatria, Fondazione Ca' Granda, Ospedale Maggiore Policlinico di Milano), Federica Agosta (responsabile dell'unità di neuroimagine delle malattie neurodegenerative dell'ospedale San Raffaele di Milano)


3 febbraio 2019 - «Sesso: istruzioni per l'uso»
Ospiti: Salvo Di Grazia (ginecologo dell'Ulss 2 Marca Trevigiana, divulgatore scientifico e fondatore del blog Medbunker), Cinzia Lucia Paolini (responsabile dell'ambulatorio di ginecologia dell'infanzia e dell'adolescenza dell'ospedale San Paolo di Milano), Adriano Lazzarin (primario della divisione di malattie infettive dell'ospedale San Raffaele di Milano)


10 febbraio 2019 - «Crescere col cancro»
Ospiti: Marco Zecca (responsabile del reparto di oncoematologia pediatrica del policlinico San Matteo di Pavia e presidente dell'Associazione Italiana di Oncologia ed Ematologia Pediatrica, Aieop), Agnese Collino (supervisione scientifica Fondazione Umberto Veronesi), Andrea Ferrari (oncologo pediatra, coordinatore del Progetto Giovani all'Istituto Nazionale dei Tumori di Milano e membro del comitato scientifico di Fondazione Umberto Veronesi)


17 febbraio 2019 - «Cuore e zucchero»
Ospiti: Stefano Del Prato (direttore dell'unità operativa di endocrinologia e malattie del metabolismo all'università di Pisa), Elena Dogliotti (biologa nutrizionista e supervisore scientifico per Fondazione Umberto Veronesi), Fabio Belluzzi (cardiologo, Fondazione Ca' Granda, Ospedale Maggiore Policlinico di Milano)