Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Insieme per il nostro futuro. Sostieni la ricerca e la cura!

Dona ora

Guida agli esami

Risonanza magnetica (RM)

Risonanza magnetica (RM)

 

CHE COS’È

La Risonanza magnetica, chiamata anche risonanza magnetica nucleare (RMN), è una moderna tecnica diagnostica, capace di fornire immagini dettagliate del corpo umano.

Le sezioni possono essere ottenute, “tagliate” a piacere, indifferentemente nei tre piani dello spazio creando in tal modo una visione virtuale tridimensionale del corpo.

La risonanza magnetica è un’indagine sicura e del tutto innocua per l’organismo umano per via dell’assenza di radiazioni ionizzanti.

 

A COSA SERVE?

Si tratta di una procedura particolarmente utile nel campo neurologico, neurochirurgico, traumatologico, oncologico, ortopedico, cardiologico e gastroenterologico.

In particolare la si effettua per arrivare a diagnosi delle malattie del cervello e della colonna vertebrale, dell’addome e della pelvi (fegato e utero), dei grossi vasi (aorta) e del sistema muscolo-scheletrico.

 

COME SI EFFETTUA?

L'esame si effettua ponendo il paziente disteso su un lettino che viene fatto scorrere all'interno dell'apparecchiatura diagnostica, un cilindro cavo con all'interno dei magneti che servono a generare i fasci di onde radio utili all'esame.

E' fondamentale che la persona rimanga ferma per tutta la durata dell'indagine. La durata di una risonanza magnetica dipende dall'estensione della parte del corpo da esaminare e può arrivare a durare anche 45 minuti. 

 

ESISTONO CONTROINDICAZIONI?

La risonanza magnetica non è indicata nei pazienti portatori di pacemaker cardiaco, di neurostimolatori, di strutture metalliche come protesi, viti e valvole cardiache. Non si effettua l'esame principalmente al fine di evitare che il campo magnetico prodotto dalla macchina possa provocare uno spostamento di queste strutture metalliche in altra sede.

Da tempo esistono protesi di materiali che non interferiscono con l'esame ma è sempre utile avvisare prima di sottoporsi all'esame. Per le pazienti in stato di gravidanza l’esame è sconsigliato nei primi tre mesi di gestazione.


Articoli correlati