Alimentazione

Menù di Pasqua: le alternative all'agnello

pubblicato il 26-05-2012

Ci vuole molto coraggio a togliere la vita a oltre 700.000 cuccioli da latte solo in nome di una tradizione culinaria. A noi i capretti e gli agnelli piacciono solo così, innocenti e sereni come tutti i cuccioli. Non sacrificati per rallegrare le nostre tavole imbandite. Ci sono tante alternative per gustare una Pasqua senza torture. Eccone alcune

Menù di Pasqua: le alternative all'agnello

Ci vuole molto coraggio a togliere la vita a oltre 700.000 cuccioli da latte solo in nome di una tradizione culinaria. A noi i capretti e gli agnelli piacciono solo così, innocenti e sereni come tutti i cuccioli. Non sacrificati per rallegrare le nostre tavole imbandite. Ci sono tante alternative per gustare una Pasqua senza torture. Eccone alcune

Dal blog del Professor Umberto Veronesi:

"Si avvicina la Pasqua e, come ogni anno, si prospetta per me un periodo doloroso, perché penso a quanti animali, in nome di questa festa, verranno massacrati. Penso ai capretti e in particolare agli agnelli che, per il loro aspetto così bianco e morbido, tutto ispirano fuorché violenza e sangue. Le madri sono state messe incinte in tempo per partorire cuccioli da uccidere quando ancora succhiano il latte dalle loro mammelle, così che la loro carne sia più morbida per il palato umano. Io trovo che questa sia una barbarie. Chi, come me, ama tutti gli esseri viventi, li vede come parte di un unico disegno biologico e li rispetta, non fa distinzione fra animali di serie A e di serie B: semplicemente trova assurdo ucciderli e ingoiarli. Inoltre sono pacifista e perseguo la mitezza d’animo".

Ci vuole molto coraggio a togliere la vita a oltre 700.000 cuccioli da latte solo in nome di una tradizione culinaria. A noi i capretti e gli agnelli piacciono solo così, innocenti e sereni come tutti i cuccioli. Non sacrificati per rallegrare le nostre tavole imbandite. Ci sono tante alternative per gustare una Pasqua senza torture. Eccone alcune preparate appositamente per voi dagli chef Simone Salvini (Executive Chef, Organic Academy) e Marco Bianchi (Chef ricercatore della Fondazione Veronesi).

Pappa al pomodoro con pesto di basilico (di Simone Salvini)

Lasagne vegetariane (di Marco Bianchi)

Frittatona di ceci, zucchine e fave (di Marco Bianchi)

Frittelle di ceci con mele speziate e confettura di patate americane (di Simone Salvini)


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza