Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Insieme per il nostro futuro. Sostieni la ricerca e la cura!

Dona ora
Cardiologia

Il promemoria per chi porta il pacemaker

pubblicato il 01-08-2012

Ecco i consigli indispensabili per chi ha il dispositivo cardiaco per godersi una bella vacanza sia al mare sia in montagna

Il promemoria per chi porta il pacemaker

 

Ecco i consigli indispensabili per chi ha il dispositivo cardiaco per godersi una bella vacanza sia al mare sia in montagna

In vacanza col pacemaker . Sono ormai tantissime le persone che hanno un pacemaker o un defibrillatore impiantabile, e la loro vita è pressoché normale.  Ci sono però semplici accortezze da ricordare, e l’inizio delle vacanze estive è una buona occasione per passarle in rassegna. Ci sono infatti cose arcinote come la raccomandazione di evitare il controllo del metal detector negli aeroporti (ricordarsi di portare con sé il documento che attesta la condizione di portatore di pacemaker!), e ce ne sono altre meno note, che però è bene tenere presenti per evitare problemi durante le ferie.

AL MARE - La spiaggia, per esempio. Si può benissimo crogiolarsi al sole, ma proteggendo con un piccolo asciugamano la zona dove si trova il dispositivo. Non è che il sole possa provocare problemi al meccanismo, ma il calore può scaldare troppo la massa metallica, procurando delle ustioni. Non è vietato concedersi un tuffo  dalla boa o una nuotata sott’acqua, ma devono essere escluse le immersioni in profondità con  l’uso di bombole. Anche gli sport si dovranno fare con un granello di saggezza.

IN MONTAGNA - Sono controindicate  le scalate in montagna, nonché gli sport violenti (sport di contatto, arti marziali, sport collettivi, sport a rischio di cadute).  Se le «scatolette» sono estremamente resistenti, le sonde sono più fragili. Così, certi gesti possono essere pericolosi, come il «servizio » durante una partita di tennis, lo swing quando si gioca a golf, lo smash quando ci si cimenta nel volley.

TUTTI I GIORNI - Poi ci sono le raccomandazioni per la vita quotidiana. Tutti i portatori di pacemaker o di defibrillatore sanno che c’è una controindicazione teorica alla risonanza magnetica, ma quanti sanno che in cucina devono fare attenzione alle piastre  elettriche a induzione, mentre invece non ci sono problemi con il forno a micro-onde ? Anche per il telefonino deve esserci una precauzione : non bisogna metterlo nella tasca superiore della giacca, dove si troverebbe nelle vicinanze del pacemaker, ma collocarlo almeno a una ventina di centimetri di distanza.

Antonella Cremonese

Leggi anche:

Alta quota: a chi fa bene e a chi no

Gli italiani e l'automedicazione: ecco cosa portare in vacanza


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza

Da non perdere

News dalla Fondazione Eventi Iniziative editoriali Il meglio dai Blog Video