Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Insieme per il nostro futuro. Sostieni la ricerca e la cura!

Dona ora
Cardiologia

Ipertensione: prevenirla e curarla con le giuste abitudini

pubblicato il 17-05-2014
aggiornato il 01-02-2017

Uno stile di vita sano è la prima risorsa per difendersi dall'aumento della pressione arteriosa e dai rischi cardiovascolari che ne derivano

Ipertensione: prevenirla e curarla con le giuste abitudini

Ecco i consigli fondamentali per evitare l’ipertensione o per tenerla sotto controllo una volta diagnosticata.

 

PERDERE PESO

Gianfranco Parati, professore ordinario di Medicina Cardiovascolare dell’ Università degli Studi di Milano-Bicocca e direttore del Dipartimento di Scienze Mediche e Riabilitative ad indirizzo Cardio-Neuro-Metabolico dell’ Ospedale S.Luca, IRCCS Istituto Auxologico Italiano di Milano, aggiunge: «Soprattutto se c’è una familiarità, e quindi una possibile propensione genetica all’ipertensione, è d’obbligo stare molto attenti al peso. Si calcola che, per un iperteso che è anche in sovrappeso, ogni kg perso porti a ridurre di 1 mm Hg i valori pressori».

 

 FARE MOVIMENTO

Altrettanto importante è fare regolarmente attività fisica di tipo aerobico: «Basta misurare la pressione dopo una biciclettata – dice Parati – e la si troverà più bassa; l’esercizio fisico provoca vasodilatazione, scarica le tensioni e modula l’attività del sistema nervoso simpatico. Ognuno di noi dovrebbe darsi un appuntamento con se stesso, per fare ogni giorno un po’ di movimento».  «Bene tutte le attività aerobiche, a bassa intensità e lunga durata, come il nuoto, la bici, la corsa, gli sport di squadra; da evitare invece gli sforzi di breve durata e alta intensità, come l’uso di pesi, che tendono a far salire la pressione arteriosa» spiega Attilio Turchetta, responsabile del struttura semplice di Medicina Cardiorespiratoria e dello Sport dell’Ospedale Bambino Gesù di Roma.

 

NON FUMARE

Una sola sigaretta aumenta la pressione arteriosa per almeno un quarto d’ora. Il fumo inoltre danneggia le arterie, aumenta le probabilità di infarto e ictus. Smettere di fumare apporta benefici rapidi e duraturi.

 

RIDURRE SALE E ALCOL

Troppo sale in tavola e negli alimenti può favorire l’ipertensione in chi è predisposto. L’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda di non assumere più di 2 grammi di sodio al giorno, pari a circa 5 grammi di sale da cucina (un cucchiaino circa). Va tenuto presente che oltre a quello che aggiungiamo ai cibi, molti alimenti contengono sale “nascosto” (oltre a insaccati, formaggi, conserve, prodotti da forno anche dolci, dadi da brodo, bevande). L’alcol in eccesso non solo aumenta la pressione arteriosa, ma per il suo apporto calorico contribuisce a far prendere peso. Bastano pochi giorni senza alcol e la pressione arteriosa già comincia a calare.

 

SONNO E RELAX

Raccomanda Gianfranco Parati: «Tutti siamo stressati, ma occorre modulare le tensioni e curare soprattutto il riposo: se non si dorme almeno 6 ore per notte, la pressione va su».


@donatellabarus

 

torna allo SPECIALE Ipertensione

Donatella Barus
Donatella Barus

Giornalista professionista, dirige dal 2014 il sito della Fondazione Umberto Veronesi. E’ laureata in Scienze della Comunicazione, ha un Master in comunicazione. Dal 2003 al 2010 ha lavorato alla realizzazione e redazione di Sportello cancro (Corriere della Sera e Fondazione Veronesi). Ha scritto insieme a Roberto Boffi il manuale “Spegnila!” (Rizzoli), dedicato a chi vuole smettere di fumare.


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza