Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Insieme per il nostro futuro. Sostieni la ricerca e la cura!

Dona ora
Fumo

Smettere di fumare: meglio di colpo o in maniera graduale?

pubblicato il 17-10-2017
aggiornato il 11-01-2018

Quasi tutte le linee guida internazionali consigliano un taglio netto, per smettere di fumare. Tuttavia ridurre gradualmente può avere importanti benefici, come ridurre i sintomi dell'astinenza

Smettere di fumare: meglio di colpo o in maniera graduale?

È uno dei grandi dubbi di chi si accinge a smettere di fumare. Dare un taglio netto eliminando del tutto le sigarette dalla sera alla mattina o ridurre gradualmente, in un lasso di tempo prestabilito, fino a smettere del tutto? Quasi tutte le linee guida internazionali consigliano la prima opzione, tuttavia ridurre gradualmente può avere importanti benefici come rendere meno pesanti i sintomi dell’astinenza. Il problema è che richiede una disciplina molto ferrea e molta costanza per raggiungere l’obiettivo, così finisce per essere più complicato riuscire a smettere del tutto.

Uno studio pubblicato nella primavera del 2016 sugli Annals of Internal Medicine ha confrontato le percentuali di successo di due gruppi di persone che smettevano di fumare, l’uno interrompendo bruscamente, l’altro dopo due settimane di riduzione graduale. Ebbene, dopo quattro settimane dall’inizio della sperimentazione aveva smesso di fumare il 49 per cento di chi aveva interrotto all’improvviso contro il 39 per cento di chi aveva tentato di farlo gradualmente. Dopo sei mesi le percentuali scendevano rispettivamente al 22 e al 15,5 per cento.


A sentire i numeri, dunque, la strategia migliore è lasciare la sigaretta di colpo. Tuttavia ridurre gradualmente fino a smettere è soltanto poco meno inefficace. Quindi, per chi preferisse questa strada, vale la pena provarci, anche perché in una certa misura ciascun fumatore fa storia a sé.

Per saperne di più sui danni provocati dal fumo, iscriviti al sito e scarica gratuitamente il manuale.

 


Articoli correlati


Commenti (2)

fabio franci31-01-2018
Ho fumato da quando avevo 14 anni fino a 29, ho smesso di colpo mi ero preparato a questo mesi prima psicologicamente fino a quando un giorno ho fumato l'ultima e l'ho pure salutata, ovviamente ero nervoso e mangiavo, mi sono dedicato allo sport. Ho iniziato di nuovo, 2 anni fa, pensando nello stesso tempo come smettere e come l'ultima volta ho smesso con le stesse modalità, non fumo dal 1 ottobre 2017. Tutta questione di testa non serve altro... In bocca al lupo a tutti...
Denis Lovadi14-12-2017
Io sto provando la riduzione graduale, avevo provato a smettere di fumare bruscamente ma stavo male e ho deciso di abbandonare questo metodo. Mi sto regolando con le chewing bags e cerco di diminuire la dose ogni giorno. Per ora sta funzionando e comunque non sto più toccando più le sigarette tradizionali. Questa cosa la vedo come un passo in avanti e staremo a vedere…

In evidenza