Chiudi
Oncologia

Prendersi cura dei piccoli malati di cancro in memoria di Riccardo

pubblicato il 31-08-2020

Per ricordare la scomparsa di suo figlio, Roberto Valerio aiuta i piccoli pazienti oncologici dei Paesi più poveri. Col sostegno di Fondazione Umberto Veronesi

Prendersi cura dei piccoli malati di cancro in memoria di Riccardo

Questa è la storia di un uomo che, dilaniato dalla perdita di un figlio a causa di un tumore, ha scelto di tramutare il dolore in speranza. Roberto Valerio ha 55 anni, vive in provincia di Firenze e di professione è militare. Al di fuori dell’orario di servizio, però, trascorre le sue giornate per offrire una chance alle famiglie meno fortunate, che lungo la propria strada hanno vissuto la stessa triste sorte toccata a lui: l’incontro con la malattia oncologica di un figlio. Una missione quasi scontata, per quest’uomo. Ma anche «l’occasione per rivedere negli occhi di ognuno di loro il mio Riccardo». Molti di questi bambini, grazie all’impegno di Roberto, oggi sono innanzitutto vivi. Poi, spesso, anche soddisfatti e affermati. Il merito? «È anche dei risultati raggiunti dalla ricerca scientifica», racconta Roberto in questa intervista, che celebra l’«unione» tra le sue volontà e quelle di Fondazione Umberto Veronesi.

Tumori nei bambini: tutti i successi nel campo dell'oncologia pediatrica

LA STORIA DI RICCARDO

Le origini di questa storia risalgono al 2002. Era da poco passata l’estate quando Roberto e sua moglie decisero di andare a fondo di un malessere che il loro unico figlio Riccardo, all’epoca di 5 anni, covava da qualche settimana. La febbre, nonostante gli antibiotici, si era impossessata del suo corpo da giorni. Da qui la decisione di andare a fondo di questo malessere, con una batteria di esami del sangue e un’ecografia addominale. Indagini di routine, che nel caso di Riccardo svelarono però il volto di un «mostro». A livello addominale, cresceva già da tempo un neuroblastoma, una forma di tumore pediatrico che origina da alcune particolari cellule del sistema nervoso periferico, quell’insieme di fasci neuronali diffusi in tutto il corpo che controllano attività involontarie come il respiro e la frequenza cardiaca. Si tratta di una forma di cancro particolarmente aggressiva che, nelle situazioni più gravi, è priva di soluzioni terapeutiche risolutive. È stato questo il caso di Riccardo, venuto a mancare nel 2008 dopo tre anni di agonia. «Documentandomi e prendendo informazioni, intuii subito che questa malattia mi avrebbe portato via l’unico figlio», racconta Roberto, che da quel momento in avanti ha deciso di impegnarsi in prima persona per i bambini colpiti da una diagnosi oncologica.

TUMORI NEGLI ADOLESCENTI: QUAL E'
LA SITUAZIONE NEL NOSTRO PAESE? 

«CURE2CHILDREN» PER CURARE I BAMBINI MENO FORTUNATI

È così che è nata Cure2Children, organizzazione non profit che aiuta i bambini malati di cancro o affetti da altre gravi malattie del sangue. Con una peculiarità, quella di intervenire nei Paesi del mondo meno fortunati: dalla Georgia al Pakistan, dal Kosovo al Vietnam. Fino all’Argentina, al Marocco, all’Iraq, all'India e all’Afghanistan. L’obiettivo finale è semplice quanto affascinante: curare i bambini lì dove si trovano. Nessun viaggio della speranza: sono i medici di Cure2Children che arrivano a destinazione e affiancano il personale sanitario locale senza mai sostituirlo, per curare i piccoli pazienti. Il valore di un intervento di questo tipo è duplice: da una parte garantisce le cure più efficaci a chi si ammala, dall’altra fa crescere il bagaglio di competenze dei camici bianchi del posto. «Soltanto in questo modo, e ci stiamo riuscendo in molte realtà, si può provare a ridurre il gap che c’è nei tassi di sopravvivenza tra i Paesi avanzati e le realtà più povere - afferma Valerio -. La nostra missione punta ad assicurare pari opportunità di cura e guarigione a tutti i bambini affetti da queste terribili malattie. Più bambini accederanno alle cure, più ne potranno guarire. Così facendo, inoltre, la scienza ha la possibilità di affinare protocolli con terapie sempre più efficaci e potenzialmente risolutive». (clicca qui per conoscere i progetti internazionali di Fondazione Umberto Veronesi).


Perché nei tumori pediatrici occorrono protocolli di cura dedicati?


Quei tumori complessi da curare negli adolescenti

Quei tumori complessi da curare negli adolescenti

22-08-2016
L’INCONTRO CON FONDAZIONE UMBERTO VERONESI 

Studiando il caso di suo figlio, Roberto fece una riflessione, che ancora oggi ripete con orgoglio: «Non c’era allora e non c’è oggi un Umberto Veronesi dei bambini». A questa constatazione, l’uomo giunse dopo essersi reso conto che non esistevano chemioterapici specifici per i più piccoli. «Nulla è cambiato: al di là delle dichiarazioni pubbliche, c'è ancora scarso interesse per i nostri figli chiamati a lottare con un tumore». Perché vero è che ogni anno, in Italia, si ammalano di cancro 1.200 bambini e 800 adolescenti: una parte infinitesimale, rispetto al dato complessivo delle diagnosi oncologiche (oltre 371mila). Ma ciò vuol dire che ogni giorno, in media, ci sono 6 o 7 piccoli individui scoprono di avere un tumore. «Ed è uno strazio che non passa mai, per loro e per noi», ripete con la voce rotta dall’emozione Roberto. Così, nel momento in cui Fondazione Umberto Veronesi decise di impegnarsi con il progetto Gold for Kids (clicca qui per scoprire tutti i dettagli) per sostenere la ricerca sui tumori pediatrici, la sinergia con Cure2Children è stata inevitabile. «Capii che assieme avremmo potuto portare a termine azioni molto importanti», illustra Roberto, ricordando il primo incontro con il chirurgo (la foto pubblicata risale invece alla cerimonia di consegna dei Grant di Fondazione del 2015). Presentandogli le attività della sua onlus, l’uomo rimase stregato da due risposte del Professore. «Una guerra si può vincere anche curando i malati di un Paese lontano». E ancora: «La diffusione del sapere è un prezioso strumento di pace».


Dall'Afghanistan a Perugia per dare scacco matto al tumore al seno

A BRACCETTO NEI PAESI LONTANI

Il feeling fu da subito reciproco. Di Fondazione Umberto Veronesi, Roberto apprezzò subito «la concretezza e il rigore scientifico con cui seleziona le ricerche da finanziare». Il connubio, ormai, va avanti da anni. La Fondazione sostiene tutte le attività di Lawrence Falkner, il coordinatore scientifico di Cure2Children. È lui il «trait d’union» tra gli ematologi e gli oncologi pediatri europei e i medici locali dei Paesi in cui di volta in volta si decide di intervenire. La missione che Falkner sta portando avanti, adesso, è quella di creare centri per la cura del neuroblastoma e di altre gravi malattie del sangue nel sudest asiatico. A partire da Bangalore (India). «È impossibile accettare che un bambino muoia per un farmaco non somministrato o mal dosato, per un controllo o un esame non effettuato o per la mancanza della strumentazione necessaria ed adeguata», spiega Roberto. Mentre in Occidente il neuroblastoma guarisce quasi in 1 caso su 2, in India e in Pakistan è considerato incurabile. Così le esigue risorse locali vengono spesso dirottate su tumori infantili a maggiore guaribilità. Mentre i bambini (e le loro famiglie) alle prese con le malattie più complesse, rimangono di fatto senza nemmeno una speranza.

AVANTI INSIEME PER CURARE I TUMORI DEI BAMBINI

Dagli occhi di ognuno di loro, molti dei quali Roberto ha potuto incrociarli nei Paesi d’origine o nei successivi viaggi compiuti in Italia, è come se emergesse lo sguardo di Riccardo. «Oggi avrebbe 23 anni: mi fa piacere pensare che abbia visto tutto ciò che siamo riusciti a fare grazie a lui». Curare i bambini più sfortunati, oltre che una un dovere per i medici, è per Roberto una missione di pace e di solidarietà. Anche questo è uno dei punti di contatto tra l’attività di Cure2Children e quella di Fondazione Umberto Veronesi. «Senza il vostro contributo, non avremmo mai visto crescere i tanti semini piantati in giro per il mondo». Una bella storia destinata a durare, anche oltre l’emergenza-Covid 19. «A maggior ragione in questa fase, c’è bisogno di concentrare le risorse da investire nella ricerca - conclude l'uomo -. La Fondazione sta dimostrando di voler migliorare le sorti dei bambini colpiti da un tumore. Per quello che potrò, direttamente (Roberto è referente dei volontari di Fondazione Umberto Veronesi per la provincia di Firenze, ndr) e attraverso Cure2Children, lavorerò sempre per sostenerla».

 

Fabio Di Todaro
Fabio Di Todaro

Giornalista professionista, lavora come redattore per la Fondazione Umberto Veronesi dal 2013. Laureato all’Università Statale di Milano in scienze biologiche, con indirizzo biologia della nutrizione, è in possesso di un master in giornalismo a stampa, radiotelevisivo e multimediale (Università Cattolica). Messe alle spalle alcune esperienze radiotelevisive, attualmente collabora anche con diverse testate nazionali ed è membro dell'Unione Giornalisti Italiani Scientifici (Ugis).


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza

Torna a inizio pagina