Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Alaimo Alessandro

NOTE BIOGRAFICHE

• Nato a Taranto nel 1974
• Laureato in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche all’Università degli Studi di Bari Aldo Moro
• PhD in Biochimica e Biologia Molecolare all’Università del País Vasco (Spagna)

2016

Ruolo oncogenico della proteina canale TRPM8 nel tumore alla prostata

Il tumore della prostata è il tumore più diffuso negli uomini e ancora una delle principali cause di mortalità maschile nel mondo occidentale. Da un punto di vista terapeutico le uniche opzioni per il trattamento di tumori primari si limitano a controlli periodici, radioterapia, chirurgia ed altre strategie secondarie. La comprensione dei meccanismi di liberazione delle cellule tumorali primarie dall`epitelio allo stroma, potrebbe migliorare il trattamento dei tumori prostatici e ne ridurrebbe la mortalità.

Tra i vari processi genetici e molecolari che scatenano la trasformazione neoplastica iniziale, la iperattività del sistema PI3K/AKT si associa frequentemente alla progressione del tumore e alle metastasi. Lo scopo di questo progetto è definire TRPM8, un canale ionico regolato da ormoni androgeni, come un importante protagonista implicato nella oncogenesi delle cellule tumorali prostatiche.

L’obiettivo della ricerca è dimostrare che la perdita della polarità delle cellule dell`epitelio prostatico determina una incorretta localizzazione di TRPM8 che, di conseguenza, promuove la disorganizzazione dell´epitelio e l`invasione dello stroma, primo passo verso la formazione di metastasi. L`obiettivo finale della ricerca è definire TRPM8 come un fattore chiave nello sviluppo del carcinoma prostatico ed ottenere evidenze per poter testare inibitori del TRPM8 come potenziali farmaci nel trattamento delle fasi iniziali di questo tumore.

DOVE SVILUPPERÀ IL PROGETTO

Centro di Biologia Integrata (CIBIO) dell’ Università degli Studi di Trento

Area

Oncologia

Da non perdere

News dalla Fondazione Eventi Iniziative editoriali Il meglio dai Blog Video

La buona informazione che fa bene a tutti. Visita il Magazine, il portale di chi crede nella ricerca

Chiudi