Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Baldassarre Antonello

NOTE BIOGRAFICHE

• Nato a Pescara nel 1980
• Laureato in Psicologia all’Università degli Studi Gabriele D’Annunzio di Chieti-Pescara
• PhD in Neuroimaging funzionale:dalle cellule ai sistemi all’Università degli Studi Gabriele D’Annunzio di Chieti-Pescara

2016

La sindrome del neglect spaziale causata da alterazione nelle connettività funzionale delle reti neuronali 

Il neglect spaziale è una sindrome neurologica che colpisce circa il 20-30% pazienti con ictus. Esso è caratterizzato dall’incapacità di identificare e rispondere a stimoli nel campo visivo controlaterale al lato della lesione (deficit spaziale), da un ridotto livello di vigilanza (deficit non spaziale), nonché da un disturbo nel riorientare l’attenzione (deficit di reorienting). Recenti ricerche indicano che il neglect spaziale è associato ad alterazioni nella connettività funzionale delle reti neurali a riposo, misurata con la risonanza magnetica funzionale. In particolare, in uno studio condotto su un ampio campione di pazienti con ictus, si è dimostrato che i deficit spaziali nella fase acuta sono associati con la rete neurale dorsale fronto-parietale deputata all’attenzione e quella sensorimotoria.

Il progetto ha lo scopo di investigare nello stesso gruppo di pazienti del precedente studio se i deficit di attenzione non spaziali e quelli di re-orienting siano collegati relati a schemi distinti di connettività funzionale. I punteggi ottenuti nei test neuropsicologici dell’attenzione verranno correlati con le misure di dieci reti neurali, in modo tale da individuare le connessioni funzionali nel cervello associate a differenti deficit. Comprendere i meccanismi neurali dei sotto-tipi di neglect spaziale è di notevole importanza per la diagnosi iniziale nonché per la pianificazione della riabilitazione.

DOVE SVILUPPERÀ IL PROGETTO

Università degli Studi Gabriele D’Annunzio di Chieti-Pescara

Da non perdere

News dalla Fondazione Eventi Iniziative editoriali Il meglio dai Blog Video