Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Magliaro Chiara

NOTE BIOGRAFICHE

  • Nata a Piedimonte Matese (CE) nel 1987
  • Laureata in Ingegneria Biomedica presso l’Università degli Studi di Pisa
  • PhD in Bioingegneria presso l’Università degli Studi di Pisa


Studio il Parkinson in una capsula (leggi l'intervista)

2018

Modelli cellulari 3D per lo studio del Parkinson

Il morbo di Parkinson interessa i neuroni del mesencefalo. La degenerazione di questi neuroni, implicati nel controllo dei movimenti, impedisce la corretta trasmissione del segnale nervoso: da qui, il caratteristico tremore. Non sono ancora chiare le cause che innescano questa degenerazione e insieme alla difficoltà di individuare sintomi nei primi stadi della malattia, rende la diagnosi tardiva. Recenti studi dimostrano che l’alterazione del microbioma (i batteri “buoni” che popolano l’intestino) sia legato all'innesco della malattia, ma non è chiaro in che modo. Utilizzando strutture tridimensionali derivate dalle cellule staminali umane che si differenziano nei vari tipi cellulari costituenti l’organo, i cosiddetti organoidi, il progetto si pone come obiettivo la creazione di un sistema di organoidi mesencefalo-intestino. Utilizzando cellule staminali e metaboliti derivanti dal microbioma, si studierà come le alterazioni intestinali si ripercuotono sul mesencefalo innescando la malattia. Il metodo proposto costituirà una valida alternativa ai tradizionali metodi dello studio del cervello umano, che utilizzano animali o cellule coltivate in piastre 2D. In futuro, la generazione di tali modelli con staminali ottenute dalle cellule del paziente stesso sarà fondamentale per lo sviluppo di più efficienti approcci terapeutici personalizzati.

Scopo della ricerca è mettere a punto modelli cellulari tridimensionali per lo studio delle relazioni tra intestino e mesencefalo nello sviluppo del Parkinson

Dove svilupperà il progetto:

Universitá degli Studi Pisa