Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Milanese Chiara

NOTE BIOGRAFICHE

  • Nata a Cuneo nel 1976
  • Laureata in Biotecnologie mediche presso l’Università degli Studi di Torino
  • PhD in neuroscienze presso l’Università degli Studi di Torino

2018

Il nitrito di sodio per il trattamento del morbo di Parkinson

Il morbo di Parkinson rappresenta una delle patologie neurodegenerative più frequenti che si manifestano con l’avanzare dell’età. I farmaci finora utilizzati sono mirati a migliorarne e rallentarne la sintomatologia, ma non a bloccare la causa della malattia. Questo progetto propone di ricollocare l’uso del nitrito di sodio, un farmaco comunemente utilizzato nelle malattie cardiovascolari ed efficace nel limitare il danno da stress ossidativo, per la prevenzione e la cura della malattia di Parkinson. In precedenza, è stato dimostrato che il nitrito di sodio ha un’azione neuroprotettiva in molteplici modelli tossicologici di Parkinson e in cellule derivate da pazienti affetti dalla malattia. In questo studio si valuterà la capacità del nitrito di sodio di proteggere le cellule nervose dalla formazione e diffusione di aggregati di alfa-sinucleina, una caratteristica tipica della patologia, che determina la morte dei neuroni colpiti e la conseguente perdita delle loro funzioni. L’esito positivo di questo lavoro aprirà la strada per l’utilizzo del nitrito di sodio e dei farmaci che condividono lo stesso meccanismo d’azione nella cura del morbo di Parkinson.

Il progetto si prefigge di studiare le potenzialità terapeutiche del nitrito di sodio, già in uso nelle malattie cardiovascolari, per la prevenzione e la cura del Parkinson.

Dove svilupperà il progetto:

Istituto Neurologico Fondazione Mondino, Pavia