Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Pighi Chiara

NOTE BIOGRAFICHE

  • Nata a Negrar (VR) nel 1984
  • Laureata in Biotecnologie Molecolari e Industriali presso l’Università degli Studi di Verona
  • PhD in Patologia Oncologica e Cellule Staminali presso l’Università degli Studi di Verona

2018

Resistenza agli inibitori di BCR nella leucemia linfatica cronica

Studi recenti nel campo della leucemia linfatica cronica hanno messo in risalto il ruolo cruciale svolto dalla via del recettore delle cellule B (BCR) nel supportare la proliferazione dei linfociti B tumorali. Per tale motivo sono stati recentemente approvati per il trattamento di pazienti farmaci che bloccano molecole chiave della via BCR, come Idelalisib o Ibrutinib, che finora hanno mostrato un elevato tasso di risposta e ridotta tossicità rispetto ai comuni chemioterapici. Un effetto collaterale è però un aumento di AID, un enzima specifico dei linfociti B, il cui ruolo è normalmente quello di indurre mutazioni nei geni degli anticorpi per poterne ampliare il repertorio, ma che in caso di mancata regolazione induce mutazioni anche in geni diversi, spesso implicati nella genesi dei tumori. L’ipotesi è che un trattamento prolungato con inibitori del BCR possa promuovere lo sviluppo di farmaco-resistenza o l’evoluzione della malattia tramite l’incremento dei livelli di AID e un conseguente aumento dell’instabilità genomica. Il progetto è quindi orientato all’identificazione delle mutazioni indotte da AID nei pazienti in trattamento cronico con Idelalisib o Ibrutinib. La conoscenza di questi meccanismi molecolari potranno servire per disegnare strategie mirate sempre più efficaci per trattare i pazienti e ritardare lo sviluppo delle resistenze.

Scopo della ricerca è valutare gli effetti sulla stabilità genomica dei linfociti B di un trattamento prolungato con farmaci anti-leucemici.

Dove svolgerà il progetto:

Università degli Studi di Torino

Area

Oncologia