Magni Giulia

NOTE BIOGRAFICHE

• Nata a Monza nel 1985
• Laureata in Biotecnologie Mediche, Molecolari e Cellulari all’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano
• PhD in Drug Discovery all’Istituto Italiano di Tecnologia di Genova

2021

Interazioni tra antocianine e asse intestino-cervello nella sclerosi multipla

Le antocianine, pigmenti violacei presenti in frutta e verdura, possiedono proprietà antinfiammatorie e antiossidanti e possono modificare la composizione e le funzioni del microbiota intestinale – la comunità di microorganismi che colonizza il nostro intestino. Il microbiota contribuisce al benessere generale dell'organismo, e anche il cosiddetto asse intestino-cervello può essere influenzato. La composizione del microbiota, tuttavia, non è immutabile, e può essere modulata con un approccio dietetico personalizzato per il trattamento di diverse malattie.

Obiettivo del progetto sarà studiare il ruolo di un supplemento dietetico a base di mais rosso, arricchito in antocianine, come adiuvante per rallentare o modificare la progressione della sclerosi multipla e del dolore trigeminale connesso alla malattia. Impiegando un modello animale di ratto con sclerosi multipla, verrà valutato se la somministrazione preventiva del supplemento dietetico sia in grado di modificare il decorso della malattia, influenzare positivamente l'asse intestino-cervello, ridurre l’infiammazione dei neuroni e l’autoimmunità – cioè la presenza di anticorpi diretti contro il proprio corpo.

Dove svolgerà il progetto:

Università degli Studi di Milano

Area

2016

Un approccio nutraceutico come terapia adiuvante nella prevenzione e nel trattamento del dolore trigemino 

Il dolore associato al nervo trigemino è una patologia estremamente invalidante che risponde poco agli analgesici ad oggi disponibili sul mercato. Oltre alla scoperta di nuovi farmaci, processo molto lungo e costoso, un approccio complementare promettente è rappresentato dalla nutraceutica. Il ruolo fondamentale dell’alimentazione nella salute è infatti oggi molto chiaro, ed è noto che l’assunzione di cibo ricco di molecole antiossidanti, come le antocianine di frutta e verdura rossa e blu-viola, aiuta a proteggere dai tumori e da malattie cardiovascolari e neurodegenerative. Il progetto ha lo scopo di studiare l’effetto di questi supplementi dietetici in un modello di dolore trigeminale nel ratto, utilizzando due varietà di mais somministrabili come supplemento dietetico solubile in acqua potabile: un mais rosso ad elevato contenuto di antocianine, e un mais giallo utilizzato come controllo sperimentale. In particolare, si vuole chiarire il ruolo del mais rosso nella prevenzione del dolore trigeminale acuto e nella modulazione dei livelli di molecole che inducono dolore e infiammazione; studiarne l’effetto in combinazione con analgesici noti, allo scopo di ridurne la dose da utilizzare e quindi gli eventuali effetti collaterali; di valutarne l’efficacia in condizioni di dolore cronico. L’obiettivo finale è quello di validare il supplemento dietetico ricco di antocianine come approccio nutraceutico innovativo per la prevenzione e il trattamento del dolore trigeminale, in particolare in formulazione orale che può semplificare una eventale futura somministrazione ai pazienti.

DOVE SVILUPPERÀ IL PROGETTO

Università degli Studi di Milano

Torna a inizio pagina