Vila-Vives Jose

NOTE BIOGRAFICHE

  • Nato a Valencia (Spagna) nel 1982
  • Laureato in Medicina e Chirurgia presso Universitat Rovira i Virgili, Tarragona (Spagna)
  • PhD in Ostetricia e Ginecologia presso Universitat de València (Spagna)

2022

Carcinoma duttale: identificare le pazienti “a basso rischio” per evitare sovratrattamenti

Il carcinoma duttale in situ è il più comune tumore al seno non invasivo. Le opzioni terapeutiche a disposizione sono la chirurgia, che viene associata a terapia adiu-vante (come ormonoterapia e terapie biologiche) per eliminare eventuali cellule tu-morali “residue”. Alcuni tipi di carcinoma duttale, tuttavia, sono definiti “a basso rischio”: non necessiterebbero di terapia adiuvante post-intervento, e questo può causare possibili sovratrattamenti. Oggi le cure sono standardizzate e non è possi-bile fare distinzioni, ma sarebbe importante riconoscere in anticipo le pazienti con tumori meno aggressivi proponendo un percorso clinico personalizzato. Grazie ad analisi con biopsie, ottenute in uno studio preliminare, è stato identifi-cato un gruppo di pazienti in grado di eliminare completamente il tumore dopo la chirurgia (senza ulteriori sequele). Studiare le caratteristiche molecolari di questo gruppo sarebbe importante per stratificare al meglio le pazienti. Obiettivo del pro-getto sarà condurre uno studio prospettico che impiegherà i dati raccolti nello stu-dio preliminare e permetta di stabilire quali pazienti siano a “basso rischio” prima dell’operazione – evitando procedure non necessarie dopo la chirurgia.

Dove svilupperà il progetto

Istituto Europeo di Oncologia (IEO), Milano

Area

Oncologia

2021

Carcinoma duttale a basso rischio: chi beneficia della sorveglianza attiva?

Il carcinoma duttale in situ (DCIS) e il tipo più comune di cancro al seno non invasivo. Il DCIS e chiamato non infiltrante perché non diffonde all’esterno del condotto mammario e ha un basso grado di malignità. Il DCIS può comunque aumentare il rischio di sviluppare un tumore più aggressivo, chiamato carcinoma mammario infiltrante, anche se la maggior parte delle pazienti non incorre in questa neoplasia più pericolosa.


Le opzioni terapeutiche disponibili a disposizione sono la chirurgia, che può essere associata a radioterapia o all’ormonoterapia, oppure un monitoraggio costante senza interventi che prende il nome di osservazione attiva.


Obiettivo del progetto sarà sviluppare procedure e determinare marcatori biologici in grado di identificare quei pazienti che possono essere trattati con un trattamento di follow-up e sorveglianza attiva, evitando trattamenti più aggressivi. I risultati dello studio permetteranno di stabilire il trattamento migliore in ciascun caso, così da conciliare la massima efficacia terapeutica con i minori effetti collaterali possibili e migliorare la qualità di vita delle pazienti.

 

Dove svilupperà il progetto:

Istituto Europeo di Oncologia (IEO), Milano

Area

Oncologia

2020

Carcinoma duttale a basso rischio: trattamento chirurgico o osservazione attiva?

Il carcinoma duttale in situ (DCIS) è il tipo più comune di cancro al seno non invasivo. Il DCIS è chiamato non infiltrante perché non diffonde all'esterno del condotto mammario e ha un basso grado di malignità. Il DCIS può comunque aumentare il rischio di sviluppare un tumore più aggressivo, chiamato carcinoma mammario infiltrante, anche se la maggior parte delle pazienti non incorre in questa neoplasia più pericolosa.


Le opzioni terapeutiche disponibili a disposizione sono la chirurgia, che può essere associata a radioterapia o all’ormonoterapia, oppure un monitoraggio costante senza interventi che prende il nome di osservazione attiva.

Obiettivo del progetto sarà realizzare uno studio comparato (trial randomizzato) su pazienti con DCIS a basso rischio: verranno confrontate le due opzioni cliniche attualmente a disposizione (il trattamento chirurgico oppure la biopsia seguita da osservazione attiva) per valutare quale dei due trattamenti sia il più efficace in termini di sopravvivenza a lungo termine.


I risultati dello studio serviranno per confermare il protocollo terapeutico migliore, in grado di conciliare la massima efficacia terapeutica con i minori effetti collaterali possibili e migliorare la qualità di vita delle pazienti.

Area

Oncologia

2019

Trattamento chirurgico o osservazione attiva in pazienti con carcinoma duttale

 


DOVE SVILUPPERA' IL PROGETTO:

Istituto Europeo di Oncologia, Milano

 

Area

Oncologia

2016

Area

Torna a inizio pagina