Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Straniero Letizia

NOTE BIOGRAFICHE:

Nata a Lecco nel 1989

Laureata in Biotecnologie Mediche e Medicina Molecolare presso l’ Università degli Studi di Milano

PhD in Biologia Molecolare e Cellulare presso l’ Università degli Studi di Milano

 

2018

Ruolo dei geni lisosomiali nella malattia di Parkinson

La malattia di Parkinson (PD) è la seconda malattia neurodegenerativa per frequenza e colpisce più dell’1% della popolazione sopra i 65 anni. Le cause della patologia sono ancora largamente oscure; tuttavia, recentemente, sono stati identificati numerosi fattori ambientali e genetici coinvolti nello sviluppo del PD. Tra i determinanti genetici che possono influenzare la suscettibilità alla malattia ci sono mutazioni in geni lisosomiali (GBA, SMPD1, NPC1 e SCARB2). Inoltre, pazienti affetti da malattie da accumulo lisosomiale (LSD) spesso presentano parkinsonismi.

In questo contesto, il progetto ha lo scopo di valutare il contributo di varianti nei geni lisosomiali nel rischio di sviluppare PD. Verranno analizzati mediante sequenziamento i geni responsabili di LSD o coinvolti nel funzionamento del lisosoma in una casistica di 6000 pazienti. L’identificazione di mutazioni in questi geni contribuirà alla selezione dei pazienti che potranno beneficiare di terapie personalizzate. In particolare, sono al momento in studio diverse strategie terapeutiche (nanoparticelle, chaperone molecolari/chimici) per aumentare la funzionalità del lisosoma in pazienti affetti da PD e LSD. Inoltre, l’identificazione precoce di soggetti con alto rischio di sviluppare la malattia permetterà di somministrare loro futuri trattamenti neuroprotettivi al fine di ritardare la comparsa dei sintomi.

Il progetto propone il sequenziamento di geni legati alla suscettibilità alla malattia in una casistica di 6000 soggetti per lo sviluppo di terapie personalizzate in pazienti con malattia di Parkinson.

DOVE SVILUPPERÀ IL PROGETTO:

Istituto Clinico Humanitas, Rozzano (MI)