Da Vià Matteo Claudio

Note biografiche:

  • Nato a Baruta, Miranda (Venezuela) nel 1984
  • Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Pavia
  • Specializzazione in Ematologia presso l’Università degli Studi di Pavia

2022

Meccanismi di resistenza al daratumumab nel mieloma multiplo

Il mieloma multiplo (MM) è un tumore molto eterogeneo, causato dalla proliferazione delle plasmacellule del midollo osseo – cellule del sistema immunitario che derivano dai linfociti B e hanno il compito di produrre anticorpi. I nuovi trattamenti hanno migliorato sensibilmente la sopravvivenza, e tra i farmaci più efficaci ci sono quelli appartenenti all'immunoterapia. Il daratumumab, in particolare, è un anticorpo monoclonale diretto contro la molecola di superficie CD38, e ha miglio-rato i tassi di sopravvivenza per i pazienti – sia quando somministrato come agente singolo, sia in combinazione con farmaci immunomodulatori (che modificano l'attività del sistema immunitario) che in combinazione con farmaci inibitori proteosoma (un complesso cellulare che smantella le proteine). Nonostante questi miglioramenti, il MM è ancora una malattia incurabile e i pazienti presentano spesso recidive di malattia. Le cause di ricaduta dopo il trattamento con daratumumab sono poco conosciute, e possono derivare da difetti delle plasmacellule o da squilibri del microambiente – la porzione di tessuto e cellule intorno al tumore. Obiettivo del progetto sarà individuare, tramite metodiche di sequenziamento del DNA di nuova generazione, i meccanismi molecolari alla base della resistenza al daratumumab nel mieloma multiplo.

Dove svilupperà il progetto

Fondazione IRCCS Ca' Granda Ospedale Maggiore Policlinico

Area

Oncologia
Torna a inizio pagina