Rezzola Sara

NOTE BIOGRAFICHE: 

  • Nata a Desenzano del Garda (BS) nel 1987
  • Laureata in Biotecnologie Mediche presso l’Università degli Studi di Brescia
  • PhD in Biotecnologie Cellulari e Molecolari applicate al Settore Biomedico presso l’Università degli Studi di Brescia

2020

Colpire il melanoma uveale eliminando le cellule staminali tumorali

Con il termine melanoma si identifica il tumore delle cellule pigmentate del corpo. In rari casi (circa 400-500 ogni anno in Italia) questa neoplasia può colpire alcune zone dell’occhio, come l’iride, prendendo il nome di melanoma uveale. Il MU ha una prognosi infausta in circa 1 paziente caso su 3, spesso a causa della formazione di metastasi: in questo stadio non esiste una terapia farmacologica specifica e occorre individuare nuove strategie di cura.

Un possibile bersaglio farmacologico sono le cosiddette cellule staminali tumorali: questa popolazione di cellule, presenti all’interno del tumore, possiede dei meccanismi di sopravvivenza potenziati ed è in grado di rendere il tumore resistente ai chemioterapici – originando recidive e favorendo le metastasi. Di recente, la presenza di queste cellule è stata confermata anche nel melanoma uveale: obiettivo del progetto sarà quello di valutare il potenziale terapeutico di un nuovo approccio farmacologico in grado di colpire le staminali tumorali.


Inoltre, bloccando selettivamente due molecole chiamate FGF e FGFR, verranno studiati i meccanismi molecolari che garantiscono le capacità staminali di queste cellule e sostengono la crescita tumorale.

 

Dove svilupperà il progetto:

Università degli Studi di Brescia

Area

Oncologia
Torna a inizio pagina