Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Pesce Silvia

NOTE BIOGRAFICHE

  • Nata a Genova nel 1983
  • Laureata in Biotecnologie Mediche presso l’Università degli Studi di Genova
  • PhD in Immunologia Clinica e Sperimentale presso l’Università degli Studi di Genova

2018

Cellule immunitarie, “interruttori” e carcinoma ovarico

Le Natural Killer (NK) sono cellule del sistema immunitario che svolgono un ruolo importante nel riconoscimento e nell’eliminazione di cellule tumorali. È stato recentemente dimostrato che, in pazienti con tumori, queste cellule presentano sulla loro superficie un recettore inibitorio (un vero e proprio “interruttore cellulare”) chiamato PD-1. Quando le NK attaccano le cellule tumorali, il recettore PD-1 interagisce con molecole presenti sulle cellule tumorali, “spegnendo” le cellule NK. Un importante meccanismo di difesa anti-tumorale viene così disattivato. PD-1 era stato scoperto in precedenza sui linfociti T, altri importanti “soldati” delle difese immunitarie anti-tumorali. In molti casi i tumori, soprattutto quelli più aggressivi, riescono a eludere l’attacco da parte dei linfociti T, ma sono ancora aggredibili dalle NK. Se anche le cellule NK sono bloccate per effetto del PD-1, le difese anti-tumorali sono annullate e il tumore può progredire in maniera incontrollata. In questo studio verrà analizzato il ruolo di PD-1 (e di altri eventuali “interruttori” inibitori) sulle cellule NK, e la presenza delle molecole da questo riconosciute sulle cellule tumorali di pazienti affetti da carcinoma ovarico. Lo scopo è proporre nuove terapie capaci di prevenire questo sistema di “blocco”, consentendo il ripristino di un’efficace attività anti-tumorale.

Il progetto vuole verificare, nel carcinoma ovarico, il ruolo di un “interruttore” molecolare (PD-1) noto per spegnere le difese immunitarie contro i tumori.

Dove svilupperà il progetto:

Università degli Studi di Genova