Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Testa Stefano

NOTE BIOGRAFICHE: 

Nato a Roma nel 1987

Laureato in Biologia cellulare e molecolare presso l’Università di Roma “Tor Vergata”

PhD in Biologia cellulare e molecolare presso l’Università di Roma “Tor Vergata”

2018

Muscolo artificiale come trattamento post-chirurgico del cancro

Il tessuto muscolare scheletrico possiede una capacità rigenerativa proporzionale all’entità del danno: può rigenerare completamente danni di lieve entità mentre non è in grado di ripristinare una massiccia perdita di tessuto (MPT). La rimozione chirurgica di sarcomi primari o metastatici spesso comporta MPT e conseguente diminuzione della funzionalità muscolare, con un’influenza negativa sulla qualità di vita del paziente, nonostante la guarigione dal cancro.

L’ingegneria tissutale si prefigge di usare biomateriali e cellule staminali per realizzare un tessuto muscolare artificiale. Nel progetto verrà impiegata la biostampa 3D per ottenere costrutti muscolari artificiali partendo da cellule staminali umane adulte, i periciti. Queste cellule possiedono infatti spiccate capacità di formare muscolo in vitro e in vivo, promuovendo attivamente la formazione di nuovi vasi sanguigni, indispensabili per la sopravvivenza del tessuto artificiale impiantato. Le capacità dei costrutti muscolari artificiali di dare origine a tessuto muscolare scheletrico verranno studiate a livello morfologico e funzionale sia in vitro che in un modello di topi con MPT. Un simile approccio potrà essere un ottimo punto di partenza per la costruzione di tessuto muscolare artificiale perfettamente funzionante, personalizzato con le cellule staminali del paziente.

Obiettivo della ricerca è sviluppare, tramite ingegneria tissutale, tessuto muscolare artificiale per sostituire quello danneggiato da chirurgia post sarcoma.

DOVE SVILUPPERÀ IL PROGETTO:

Università di Roma “Tor Vergata”

Area

Oncologia