Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Comito Giuseppina

NOTE BIOGRAFICHE

  • Nata a Crotone nel 1979
  • Laureata in Farmacia presso l’Università degli Studi di Firenze
  • PhD in Oncologia Sperimentale presso l’Università degli Studi di Firenze


«Attaccare» il tumore della prostata nel suo habitat (leggi l'intervista)

2018

Il microambiente nella modulazione immunitaria del tumore prostatico 

I fibroblasti associati al tumore (CAF), cellule presenti nel microambiente dei tumori solidi, hanno un ruolo fondamentale nel promuovere la progressione neoplastica, non solo con la secrezione di molecole-segnale ma anche attraverso l’instaurarsi di una “simbiosi” metabolica con le cellule del tumore. È stato infatti visto, su modelli di carcinoma prostatico, che i CAF prediligono un metabolismo che porta all’aumentata produzione di lattato, utilizzato dalle cellule tumorali per sostenere le loro esigenze energetiche.

Recentemente anche il sistema immunitario è stato dimostrato essere importantissimo nel contribuire all’insorgenza e alla progressione neoplastica. I tumori più aggressivi sono infatti in grado di riprogrammare le cellule immunitarie (ad esempio i linfociti) a loro vantaggio: si parla così di “immunomodulazione”.

Lo scopo di questo progetto è studiare da un lato il ruolo dei CAF nel modulare dal punto di vista metabolico le cellule del sistema immunitario, e dall'altro l'effetto sulla progressione del carcinoma prostatico di questa componente immunitaria “rieducata” dal microambiente tumorale.

I risultati potrebbero portare per la prima volta a chiarire i meccanismi con cui il microambiente tumorale concorre all’immunosoppressione, nonché ad individuare nuovi bersagli su cui agire per bloccare questo processo.

Questo studio verificherà il ruolo del microambiente che circonda il tumore prostatico nel modulare il sistema immunitario per favorire la malattia.


Dove svilupperà il progetto:

Università degli Studi di Firenze

Area

Oncologia