Celegato Marta

NOTE BIOGRAFICHE

  • Nata a Mestre (VE) nel 1981
  • Laureata in Biotecnologie Industriali all’Università degli Studi di Padova
  • PhD in Virologia e Biotecnologie Microbiche all’Università degli Studi di Padova

2020

Sviluppo di nuovi farmaci per la terapia di tumori correlati all’HPV

 

I papilloma virus umani (HPV) ad alto rischio sono una famiglia di virus responsabili dei tumori della cervice uterina – una neoplasia al femminile abbastanza diffusa e causa di mortalità soprattutto nei Paesi in via di sviluppo – e dei tumori ano-genitali e del distretto testa-collo. Attualmente non sono disponibili farmaci specifici e, poiché il programma di vaccinazione per prevenire l'infezione da HPV è stato avviato solo negli ultimi anni, sono necessari trattamenti specifici per i pazienti già infetti e ad alto rischio di sviluppare tumori associati a questi virus.

 

La principale proteina oncogena di HPV (E6) è considerata uno dei più importanti possibili bersagli terapeutici per il trattamento dei carcinomi indotti da HPV. Allo scopo di sviluppare nuove terapie per i carcinomi HPV-correlati, questo progetto studierà l’attività anti-tumorale di alcuni composti capaci di impedire le interazioni tra E6 e altre proteine necessarie per le sue funzioni, bloccando così l’attività tumorale di E6.


I composti studiati verranno usati contro diversi ceppi ad alto rischio di HPV per riuscire a dimostrare la loro efficacia contro la famiglia dei papilloma virus umani.

 

 

Scopo del progetto: studiare una serie di molecole capaci di contrastare l’effetto tumorale dei papillomavirus umani (HPV) ad alto rischio, per prevenire e curare le neoplasie HPV-correlate.

 

 

Dove svilupperà il progetto:

Università degli Studi di Padova

2018

Sviluppo di nuovi farmaci per la terapia di tumori correlati all’Hpv

 

I papillomavirus umani (Hpv) ad alto rischio sono responsabili dei tumori della cervice uterina, uno dei tumori più comuni e fra le principali cause di morte per le donne al mondo, ma anche di tumori ano-genitali e del distretto testa-collo. Attualmente non sono disponibili farmaci specifici contro l’Hpv: poiché il programma di vaccinazione per prevenire l'infezione da Hpv è stato avviato solo negli ultimi anni, sono necessari trattamenti specifici per i pazienti già infetti e ad alto rischio di sviluppare tumori associati a questi virus.

Questo progetto ha lo scopo di caratterizzare l’attività anti-tumorale di alcune molecole, possibili farmaci da valutare successivamente in studi clinici per la loro efficacia contro tumori indotti da Hpv. La strategia proposta si basa su composti capaci di bloccare in modo efficiente e specifico le interazioni tra E6, la principale proteina oncogena degli Hpv, e altre proteine necessarie per le sue funzioni, andando così a bloccare l’attività pro-tumorale di E6. I composti utilizzati agiranno contro un ampio spettro di HPV ad alto rischio.

I risultati di questo progetto permetteranno di sviluppare nuovi approcci terapeutici in grado non solo di curare i tumori dovuti a HPV, ma anche di prevenire la progressione delle lesioni pre-cancerose in pazienti positivi all’Hpv.

Lo scopo è testare molecole capaci di contrastare l’effetto pro-tumorale dei papillomavirus ad alto rischio, per prevenire e curare i tumori da loro causati.

 

2017

Sviluppo di nuovi farmaci per la terapia di tumori correlati al Papilloma Virus Umano

 

I papillomavirus umani ad alto rischio (HR-HPV) sono responsabili dei tumori della cervice uterina, uno dei tumori più comuni e fra le principali cause di morte per le donne, ma anche di tumori ano-genitali e del distretto testa-collo. Attualmente non sono disponibili farmaci specifici contro l’HPV. Poiché il programma di vaccinazione per prevenire l'infezione da HPV è stato avviato solo negli ultimi anni, sono necessari trattamenti specifici per i pazienti già infetti e ad alto rischio di sviluppare tumori associati a questi tipi di virus.

Questo progetto ha lo scopo di caratterizzare l’attività anti-tumorale di alcune molecole candidate, da valutare successivamente in studi clinici per la loro efficacia contro tumori indotti da HPV. La strategia proposta si basa su composti capaci di bloccare in modo efficiente e specifico le interazioni tra E6, la principale proteina oncogena degli HPV, e altre proteine necessarie per le sue funzioni, andando così a determinare l’inibizione dell’attività pro-tumorale di E6. I risultati di questo progetto permetteranno di sviluppare nuovi approcci terapeutici in grado non solo di curare i carcinomi dovuti a HPV, ma anche di prevenire la progressione delle lesioni pre-cancerose in pazienti positivi all’HPV.


Inoltre, dal momento che le porzioni della proteina E6 bersagliate dai composti sono molto simili tra tipi diversi di HPV, i farmaci avranno un’attività ad ampio spettro contro i vari ceppi di HPV ad alto rischio.

 

DOVE SVILUPPERA' IL PROGETTO

Università degli Studi di Padova

Area

Torna a inizio pagina