Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Azzolini Michele

NOTE BIOGRAFICHE

  • Nato a Rovereto (TN) nel 1984
  • Laureato in Biologia e Applicazioni Biomediche presso l’Università degli Studi di Parma
  • PhD in Bioscienze e Biotecnologie presso l’Università degli Studi di Padova

 

Una molecola naturale come possibile aiuto contro l'obesità. La ricerca di Michele Azzolini (leggi l'intervista)

2017

Pterostilbene, una molecola contro obesità e patologie associate

 

Ad oggi circa un terzo della popolazione globale è in condizioni di sovrappeso o obesità e l’incidenza di patologie ad essa correlate, come il diabete di tipo 2, malattie cardiovascolari e alcuni tipi di cancro, è in aumento. Tuttavia, attualmente non esiste una terapia farmacologica mirata per i problemi di obesità.

Il progetto propone di studiare i meccanismi molecolari con cui lo pterostilbene, un composto naturale ottenuto dalle piante, contrasta l’obesità e le patologie ad essa correlate. Precedenti studi suggeriscono che lo pterostilbene potrebbe rappresentare un “farmaco” efficace: è infatti atossico, biodisponibile attraverso una somministrazione orale, e in grado di modulare importanti processi biochimici intracellulari. In particolare, ci soffermeremo sulla capacità dello pterostilbene di stimolare l’espressione della proteina UCP-1 negli adipociti, le principali cellule che compongono il tessuto adiposo. Alti livelli di UCP-1 aumentano l’attività metabolica di queste cellule, con un maggior dispendio energetico a riposo e quindi maggior smaltimento delle calorie assunte per via dietetica.

Le ricadute di questo progetto potrebbero essere molto importanti sia dal punto di vista sanitario che economico: individuare uno strumento terapeutico contro l’obesità sicuro, efficace e a basso costo può migliorare la qualità della vita e la salute di molte persone.

 

DOVE SVILUPPERA' IL PROGETTO

Cnr, Istituto di Neuroscienze, Padova

Da non perdere

News dalla Fondazione Eventi Iniziative editoriali Il meglio dai Blog Video

La buona informazione che fa bene a tutti. Visita il Magazine, il portale di chi crede nella ricerca

Chiudi