Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Leoncini Pier Paolo

NOTE BIOGRAFICHE:

  • Nato a Roma nel 1986
  • Laureato in Biotecnologie Genomiche all’Università degli Studi di Roma Sapienza
  • PhD in Medicina Sperimentale ed Endocrinologia all’Università degli Studi dell’Aquila

"Cerco marcatori per la leucemia mielomonocitica giovanile" (leggi qui l'intervista)

2017

Interazioni tra microRNA e fosfatasi nella Leucemia Mielomonocitica Giovanile

 

La leucemia mielomonocitica giovanile è un tipo di leucemia rara che colpisce bambini piccoli, mediamente sotto i 4 anni, e solitamente destinata a una prognosi infausta: chi ne è affetto presenta alti livelli di emoglobina di tipo fetale, un ingrossamento della milza e talvolta anemia. Purtroppo per la JMML non esiste ad oggi alcun tipo di trattamento chemioterapico: l'unico intervento curativo è il trapianto di cellule staminali ematopoietiche, che tuttavia comporta frequenti complicanze e che è comunque associato ad un alto tasso di ricaduta.

La leucemia mielomonocitica giovanile presenta mutazioni genetiche caratteristiche nei geni N/K-RAS, PTPN11 e CBL, che alterano alcune vie di segnalazione intracellulari alla base della proliferazione aberrante come la RAS/ERK e JAK/STAT. Lo scopo del progetto è quello di sviluppare strategie terapeutiche, prognostiche e diagnostiche innovative, concentrando l’attenzione su enzimi chiamati fosfatasi alcalinee su particolari molecole note come microRna. Le fosfatasi alcaline sono gli enzimi deputati allo spegnimento dei segnali intracellulari, mentre i miRna sono dei fini regolatori della sintesi delle proteine. Un difetto nell’interazione di questi due importanti meccanismi potrebbe sostenere la trasformazione e la proliferazione aberrante delle cellule leucemiche.


Svelare i meccanismi d’interazione tra miRna e fosfatasi alcaline potrebbe rivelare l’esistenza di gruppi di cellule con un ruolo chiave nella comparsa e nella progressione della leucemia, e potrebbe dunque auspicabilmente aiutare a identificare nuovi bersagli per la terapia.


DOVE SVILUPPERA' IL PROGETTO

Ospedale Pedaitrico Bambino Gesù, Roma

Area

Oncologia